Salisburgo in camper

SALISBURGO – SALZBURG Salisburgo è una delle più belle città dell’Austria, facilmente raggiungibile dall’Italia passando dal passo del Brennero. Non è, tuttavia, molto accogliente per il camperista in quanto il comune ha proibito la sosta libera obbligando tutti a soggiornare ...

  • di duccin
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

SALISBURGO – SALZBURG Salisburgo è una delle più belle città dell’Austria, facilmente raggiungibile dall’Italia passando dal passo del Brennero. Non è, tuttavia, molto accogliente per il camperista in quanto il comune ha proibito la sosta libera obbligando tutti a soggiornare in uno dei tre campeggi disponibili. Noi abbiamo scelto il camping PANORAMA, molto vicino al centro. Il camping PANORAMA non è grande ne lussuoso ma tutte le piazzole, oltre alla corrente elettrica, hanno comodo il carico dell’acqua. Per lo scarico, invece, occorre recarsi al tombino vicino ai bagni. Questi ultimi non sono molto moderni ma sono puliti e dotati di docce calde gratuite. Il campeggio ha, inoltre, un piccolo market fornito di pane e brioches calde per la colazione. A pranzo e cena funge anche da imbiss (tavola calda) con pietanze locali. Il campeggio costa (2007) 22 euro a notte compresa elettricità e scarico/carico acqua.

Dal campeggio si può raggiungere facilmente il centro con l’autobus num 3, la cui fermata dista 500mt. I biglietti si possono acquistare a bordo ma noi consigliamo di fare la Salzburg card che da accesso gratuito ai mezzi pubblici ed alle più importanti attrattive della città. Noi abbiamo fatto quella da 2gg (€30 a testa) ed abbiamo ripreso la spesa solo con le visite del primo giorno. Arrivati in città con il bus scopriamo che Salisburgo è molto viva, con le sue due anime, antica e moderna, a destra ed a sinistra del fiume Salzach. Nella parte più moderna iniziamo il giro previsto dalla Card e visitiamo subito la casa dove ha vissuto Mozart e, grazie alla completa e chiara audioguida (compresa) impariamo molte cose nuove sul genio salisburghese. Poi attraversiamo il fiume su uno dei pittoreschi ponti e ci troviamo nella parte più antica. Non si può non notare il Castello, che domina la città dall’alto della sua rupe. Passeggiamo nelle vie piene di negozi (turistici) e non riusciamo a far a meno di farci fare una foto in abiti primo ‘900. Ad ogni angolo ci sono artisti da strada, bande, musicisti solisti, tutti che eseguono brani di Mozart. La piazza del Duomo (barocco, come quasi tutte le chiese della città) ospita gradinate per concerti mozartiani. La Cattedrale fu distrutta durante l’ultima guerra ed è stata ricostruita fedelmente com’era. La Card prevede la visita al Castello ed allora vi accediamo tramite la rapida funicolare. Dall’alto la vista della città è meravigliosa e ci si può fare un’idea chiara del suo impianto urbanistico. Il Castello è interessante, ha una base medioevale poi ampliata nel 600-700 ed ospita un’interessante mostra sulla prima guerra mondiale. Alcune sale dell’interno, completamente rivestite in legno, ricordano le stanze del castello di Ludwig in Baviera. Ridisceso il colle con la funicolare visitiamo le Catacombe paleocristiane e scopriamo con stupore che, invece di essere sotto terra, sono scavate nella roccia della rupe. Questa visita è un po’ deludente, si tratta di poche stanze non molto interessanti. Interessante e bello è, invece, passeggiare per la città vecchia; decine sono i locali con tavolini all’aperto i cui deliziosi profumi di cibo fanno venire l’acquolina in bocca. Sedersi a mangiare non è proibitivo, si mangia con 10-15 euro a testa (Hot dog €2.30, gulash €3.60, insalata €2.50, caffè tedesco €2.30). Lungo la Salzach, dove troviamo un caratteristico mercatino etnico, arriviamo all’imbarco per il battello turistico. Si tratta di una micro-crociera di 40 minuti sul fiume, durante la quale una voce registrata in tedesco ed inglese spiega la storia della città e degli edifici più importanti. Prima dello sbarco il pilota si esibisce facendo effettuare alla piccola imbarcazione una serie di vertiginosi giri su se stessa. La card prevede anche la visita al museo di arte moderna e la salita con rapidi ascensori verso un’altra parte della rupe. Noi scegliamo la seconda opzione e, da quest’altra parte del colle, la prospettiva diversa offre altri scorci per nuove foto. L’autobus numero 3, poi, ci riporta rapidamente e comodamente al campeggio

  • 15497 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social