Tra i paesaggi dell’austria occidentale

Si tratta del racconto di una settimana in Austria fatta 5 anni fa. Domenica 4 agosto 2002 Partiti da Padova verso le 6.00 del mattino, siamo arrivati a Zell am See verso mezzogiorno. Sulle rive erbose del lago abbiamo mangiato ...

  • di Laycla2
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Si tratta del racconto di una settimana in Austria fatta 5 anni fa.

Domenica 4 agosto 2002 Partiti da Padova verso le 6.00 del mattino, siamo arrivati a Zell am See verso mezzogiorno. Sulle rive erbose del lago abbiamo mangiato i nostri panini. Ci siamo poi diretti a Bruck, un paesino lì vicino, dove avevamo prenotato all’hotel Lukashansl (www.Lukashansl.At). La camera (74,00 € a mezza pensione) era molto grande, e aveva anche un piccolo salottino. Cena in hotel e poi a nanna. Lunedì 5 agosto 2002 La meta della giornata era il ghiacciaio del Grossglockner, il più alto d’Austria. Ma prima ci siamo fermati a Ferleiten, dove abbiamo visitato il “Wild & Freizeitpark”, uno zoo con animali alpini in semilibertà. Abbiamo poi iniziato la vera e propria Strada del Grossglockner, secondo molti la più bella strada panoramica austriaca. Essa è aperta al traffico da maggio a novembre, e per percorrerla bisogna pagare un pedaggio. Le parti più belle si trovano all’interno del Parco Nazionale dell’Hohe Tauern, dal quale si possono ammirare il Grossglockner, con i suoi 3797 metri di altezza, e il ghiacciaio Pasterze. Nei pressi dello scollinamento, circa a quota 2500 metri, c’è un parcheggio dove lasciare l’auto. Da lì parte una teleferica che scende fin sul ghiacciaio, sul quale si può tranquillamente passeggiare, almeno per una sua parte. C’è anche un sentiero, che infatti abbiamo percorso all’andata. Sinceramente è stata una sensazione stranissima, quasi emozionante, camminare su questa immensa distesa di ghiaccio, spessa chissà quante decine di metri. Occhio comunque a non distrarsi, bisogna sempre ricordare dove si sta camminando e quindi è un attimo scivolare. Per risalire abbiamo preso la teleferica, che con pochi euro ci ha riportati su. Prima di riprendere l’auto, nei pressi del parcheggio ci siamo accorti di una postazione Internet, dove potevi farti la foto e spedirla via email. Siamo quindi ridiscesi verso valle, a tratti avvolti da una fitta nebbia. Nel fondovalle c’era una serie di simpatiche costruzioni fatte con le balle di fieno. Cena in hotel e a nanna.

Martedì 6 agosto 2002 Presa l’autostrada A10 e poi la A1, siamo andati a Mauthausen, dove c’è un famoso campo di concentramento nazista. D’estate il campo è aperto dalle 8.00 alle 18.00. L’ingresso è gratuito, ma se si vogliono visitare le baracche e il museo bisogna pagare circa 2,00 €. Tutto è ancora perfettamente intatto, dalle baracche ai forni crematori, dalla sala dove sezionavano i corpi alle camere a gas, dalle docce alla Scala della Morte, una terribile scalinata che portava dalla miniera al campo e sulla quale sono morti per la fatica moltissimi prigionieri.

Sopra la miniera c’era il cosiddetto “muro dei paracadutisti”, un precipizio al bordo del quale i prigionieri venivano messi in fila e costretti a spingere nel vuoto quello che gli stava davanti. L’ultimo lo spingeva giù la guardia delle SS. Abbiamo visitato anche il museo, dove sono conservati documenti, fotografie, e anche qualche indumento indossato dai prigionieri. All’esterno ci sono anche dei monumenti commemorativi di varie nazioni. Cena in hotel e poi a nanna.

Mercoledì 7 agosto 2002 La giornata è stata dedicata alla visita di Salisburgo. Innanzitutto abbiamo visitato il castello di Hellbrunn, residenza estiva dei principi arcivescovi di Salisburgo, con i suoi magnifici giardini disseminati di ingegnose e ingannatrici fontane. Chi si sedeva sulle seggioline di pietra, ad esempio, veniva subito bagnato da uno spruzzo d’acqua proveniente dal buco al centro. Per maggiori informazioni consultare il sito www.Hellbrunn.At. Poi siamo andati in città, dove abbiamo visitato il castello di Hohensalzburg (d’estate è aperto con orari 8.30-20.00, gli interni 9.00-18.00, www.Hohensalzburg.Com). Si tratta di una bellissima costruzione del XI secolo, edificata su uno sperone roccioso posto a circa 120 metri sopra la città. Siamo poi andati sulla piazza della Residenz, che però non abbiamo visitato. Cena in hotel e a nanna

  • 2161 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social