Australia e Fiji

Un regalo di compleanno speciale toccando il sogno australiano attraverso Melbourne, Ayers Rock, Cairns, Sydney e finendo con il paradiso in terra, le Fiji

  • di fabrimano
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Io e mio marito abbiamo deciso di regalarci questo viaggio per i nostri 40 anni di età. Abbiamo impiegato 2 anni a prepararlo sia per la spesa da coprire che per l’organizzazione legata al lavoro e alla famiglia, ma alla fine siamo partiti e ho festeggiato il mio compleanno proprio il giorno di ritorno!

Siamo stati via in tutto 28 giorni (24 notti), dal 20 marzo al 16 aprile 2014, volando con Emirates e Qantas. Partenza da Roma, scalo e cambio aereo a Dubai, arrivo a Melbourne. Volare con A380 è stato forte, anche se purtroppo non ci è permesso salire al secondo piano nemmeno per una breve passeggiata!

Per gli spostamenti interni abbiamo scelto di utilizzare l’aereo perché alla fine il tempo era poco e volevamo vivere il più possibile le città che abbiamo scelto, decidendo di dedicare ad ognuna 5 notti, meno che ad Ayers Rock dove ne abbiamo fatte 2.

1. Melbourne

Arrivati all'aeroporto, se potete, prendete lo Skybus, che vi scende alla stazione centrale (lo shuttle per il vostro albergo è già compreso nel prezzo del biglietto). Il costo è di 18 dollari a testa una corsa, se fate andata e ritorno (return) risparmiate perché costa 30 dollari invece di 36. E’ attivo sempre, 24 ore al giorno per 7 giorni: controllate comunque che non ci siano feste importanti in cui il servizio potrebbe essere sospeso.

Se utilizzate i taxi attenzione quando pagate, non esistono tasse supplementari da aggiungere al prezzo del viaggio. Qualche tassista fa il furbo, quindi non fatevi fregare!

Fuori dall'aeroporto abbiamo trovato i canguri ad attenderci! La prima meravigliosa vista dell’Australia e della sua natura, un’emozione unica, vedere finalmente l’animale simbolo dell’Australia. Nonostante la stanchezza ci siamo goduti il paesaggio della città che si stava svegliando, rimanendone subito affascinati.

Abbiamo alloggiato al “The Swanston Hotel, Grand Mercure”, posizione ottimale al 195 Swanston Street, a metà tra la zona rinomata del casinò e dei ristoranti di lusso, della Eureka Skydeck e la zona italiana, dove potete mangiare ottima pasta. Vicino alle maggiori attrazioni, a Chinatown e alla strada dove passa il tram gratuito denominato “City Circle”. Per noi si è rivelato una buona scelta.

Cosa vedere

  • Sicuramente da fare è l’escursione “Great Ocean Road”: se non avete prenotato la gita dall’Italia in italiano e con l’inglese siete abbastanza autonomi, potete prenotare presso l’albergo dove alloggiate, il quale ha tutti i volantini informativi di tutte le escursioni possibili. Noi l’avevamo prenotata dall'Italia, unica gita prenotata in italiano e devo dire che ne è valsa la pena. Eravamo solo tre persone più la nostra guida, con un’auto confortevole che, considerato le ore di viaggio, è risultata essere una fortuna! Siamo partiti alle 8 di mattina e rientrati per le 18, quindi viaggiare comodi rende tutto meno faticoso. Il tour operator a cui ci siamo affidati si chiama “Oceania tours & safaris”, però ne esistono tanti con imbarazzo di scelta! Abbiamo fatto sosta in vari punti e ci siamo fermati a pranzo ad Apollo Bay, dove abbiamo mangiato ottimo pesce fresco presso una pescheria “Apollo Bay Seafood Cafe”: calamari, gamberi, patatine e acqua per 18,90 dollari (noi ci abbiamo pranzato in due).
  • In città se non vi fa paura camminare potete fare molte belle scoperte, anche aiutati da tour gratuiti. Esistono, infatti, i “free tour” che partono tutti i giorni dalla biblioteca e a piedi vi mostrano i punti più interessanti della città (naturalmente in inglese)

  • 38125 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social