Rebecca e oliver down under

Il nostro viaggio in Australia si è svolto in agosto nella parte centro-orientale dell’isola: partenza e arrivo da Melbourne. Prima del racconto qualche pillola di praticità: •Le stagioni sono invertite: nei nostri mesi estivi – la dry season - fa ...

  • di Dudu
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Il nostro viaggio in Australia si è svolto in agosto nella parte centro-orientale dell’isola: partenza e arrivo da Melbourne.

Prima del racconto qualche pillola di praticità: •Le stagioni sono invertite: nei nostri mesi estivi – la dry season - fa freddo al sud (Melbourne, Adelaide, Sydney, ecc...) ed è caldo secco al nord. Il rischio di meduse nei mari a Nord è praticamente nullo: temperatura dell’acqua più o meno 20-25 gradi. •Attenzione ai fusi orari interni all’Australia: in particolare, tra lo stato di Victoria (es. Melbourne) e del South Australia (es. Mount Gambier o Adelaide) c’è mezz’ora di fuso...

•Se prendete auto a noleggio il consiglio è di fare la patente internazionale: in motorizzazione a Milano ci impiegano 2/3 settimane, a Genova 5 giorni. In effetti in Australia conoscono bene le patenti italiane, spesso questa è sufficiente per affittare le auto, ma siccome va da stato a stato e a volte da persona a persona, per precauzione consigliamo di fare quella internazionale.

•Circa i noleggi auto vi consigliamo di prenotarli con anticipo solo nelle zone a disponibilità più ridotta (cioè nell’outback): nelle città hanno sempre disponibilità, almeno in agosto. Probabilmente si riesce a risparmiare qualcosa rivolgendosi alle agenzie di noleggio locali.

•Ricordate di fare il visto (altrimenti non entrate !!!): per i cittadini della Comunità Europea è sufficiente l’eVisitor, che si fa su Internet velocemente (il percorso è http://www.Immi.Gov.Au/e_visa/evisitor.Htm). I tempi di risposta del governo sono 1-2 gg massimo.

•Se pagate con carta di credito, vi potrebbero chiedere un sovrapprezzo dall’1 al 3% (in pratica fanno pagare al cliente la commissione), indipendentemente da quale sia la carta. Fate un po’ i vostri conti e tenetevi sempre un po’ di contanti in tasca. Se avete solo l’AMEX (come noi) considerate che non sempre la prendono (come in tutto il resto del mondo).

•Abbiamo spiacevolmente riscontrato che spesso negli alberghi in cui avevamo prenotato e pre-pagato dall’Italia, anche in catene “famose”, hanno tentato di rifilarci delle stanze pessime, che ci siamo sempre e puntualmente fatti cambiare. Il consiglio è di limitare i pre-pagamenti alle zone realmente necessarie (es. Outback), chiedere sempre di vedere la camera, e, perché no, se riuscite, magari di contrattare il prezzo (cosa tanto più difficile, quanto più l’hotel appartiene ad una catena). In ogni caso se vi rifilano una stanza al di sotto delle vostre ragionevoli aspettative, fatevi chiamare il manager e protestate. Di fronte ad un cliente incazzoso avrete altissime probabilità di un “complimentary upgrade”.

•In molti tour semi organizzati propongono di fare in macchina la Great Ocean Road: l’abbiamo fatta anche noi da Melbourne ad Adelaide. I kilometri sono circa 1000 e di tutto quel tragitto la parte che vale veramente la pena vedere è quello attorno a Port Campbell. Se si hanno tanti giorni va bene, ma se si deve comprimere in pochi il consiglio è di visitare la parte di Port Campbell partendo da Melbourne in auto e poi tornare indietro, oppure volare su Mount Gambier visitare la zona e ripartire sempre da lì per Adelaide o Melbourne.

LUNEDI’ 3 – MERCOLEDI’ 5 AGOSTO: MILANO-LONDRA-ABU DHABI-MELBOURNE Abbiamo preso il Milano Londra con le miglia Alitalia e poi il volo Heathrow-Melbourne con Etihad.

Il volo complessivamente ci è costato 1.100 euro (di cui circa 100 euro sono le tasse sul biglietto premio di Alitalia). Tra tutte le alternative che avevamo vagliato Etihad è stata la soluzione più conveniente. E anche più azzeccata: gli aerei sono nuovissimi, c’è molto spazio tra i sedili anche in economica, e ti puoi distrarre con un sacco di videogiochi e una scelta di una sessantina di film anche in italiano. Le più di 20 ore di volo passano abbastanza in scioltezza

  • 14363 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social