Honeymoon Fai-da-te

Il viaggio in Australia è il nostro Viaggio di Nozze (Davide e Alessia). Come ho fatto in diversi altri viaggi vado in agenzia solo per il volo principale Italia - Australia e ritorno, per il resto faccio tutto io la ...

  • di Giovanedado
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Il viaggio in Australia è il nostro Viaggio di Nozze (Davide e Alessia). Come ho fatto in diversi altri viaggi vado in agenzia solo per il volo principale Italia - Australia e ritorno, per il resto faccio tutto io la sera da casa via Internet. "Turistipercaso" è uno dei miei siti preferiti per cominciare a conoscere un paese ed avere consigli direttamente dalle testimonianze delle persone. Perchè prenoto in autonomoia? Perchè mi permette di vivere il viaggio da molto prima, non vado nei posti ultra turistici dove ti mandano le agenzie e risparmio anche molto!!! L'ho già fatto in Irlanda, Scozia, Spagna, Tour dei Parchi in USA e continuerò a farlo in tutti quei paesi che permettono il fai-da-te senza rischi.

09-lug 1° Partenza da ROMA partenza da Roma alle 12.00 con la Thai (code sharing di Qantas). Dopo 9 ore di volo arriviamo ad Hong Kong, aereoporto bellissimo, e sostiamo circa 3 ore prima di prendere il volo Qantas per Sydney.

10-lug 2° Sydney Arriviamo a Sydney la sera alle 20.00 circa. 1 ora e mezzo per sbrigare le pratiche per l'immigrazione ( a leggere le loro leggi sull'immigrazione ed i divieti sull'ingresso dei beni ti viene anche la paura che possano fermarti per il dentrificio alle erbe) e siamo in albergo in pieno centro (The Grace Hotel, ottimo rapporto qualità prezzo). Passeggiamo un'oretta e poi andiamo a dormire perché 21 ore di volo sono davvero tante e si fanno sentire. Abbiamo preso il taxi ma le successive occasioni abbiamo utilizzato il treno, velocissimo e pratico (dall'aereoporto ti porta direttamente in centro).

11-lug 3° Sydney Giornata dedicata alla visita della città: Aquarium, molto bello ne vale la pena; Chinese Gardens,un posto curatissimo e davvero rilassante dove ho cominciato ad utilizzare la reflex nuova; Chinatown e i Paddy's Market, non andate con una ragazza/moglie amante delle bancarelle rischiereste di morirci dentro; last but not least L'opera House e l'Harbour Bridge, i posti + fotografati di Sydney e forse gli unici che meritano più di qualche scatto.

12-lug 4° Sydney Piuttosto che fare come fanno tutti, ossia andare a vedere le Blue Mountains (natura e posti selvaggi sono già previsti in abbondanza durante il viaggio ma se avete qualche giorno in più andateci, hanno detto tutti che sono molto belle), abbiamo preferito vedere la mitica Bondi Beach dove, pur essendo inverno, c'era un traffico di surfisti peggio di Roma nell'orario di punta. Rientro a Sydney e gita in battello al tramonto. Al rientro quando il sole era già tramontato lo skyline di Sydney illuminato alle spalle dell'Opera House è un'immagine stupenda (altre foto all'opera house, un pò sfocate perchè sul battello era abbastanza difficle rimanere fermi e lasciare l'otturatore aperto)!!!

13-lug 5° Sydney - Ayers Rock Partenza alle 9.00 per Ayers Rock !! dopo 4 ore, di cui 3,5 ore di sorvolamento di deserto atterriamo su una piccola pista circondata sempre dal deserto (strano!!!) dove il nostro era l'unico aereo. L'aereoporto è praticamente un piccolo stabile con 3 uffici di noleggio macchine e un "tapirulan" per il ritiro bagagli !!! Fortunatamante avevano finito le berline da noleggiare e allo stesso prezzo della berlina (prenotata dall'Italia) ci danno una 4x4. Raggiungiamo il resort (lì ci sono solo 4 resort, gli unici nell'arco di centinaia di KM, ed il mio, pur essendo il più "scannato" non era nient'affatto economico anzi...) e partiamo per andare a vedere Uluru (per gli aborigeni) o Ayers Rock (per gli austrliani). Dopo una passeggiata parziale intorno al monolite (quel giorno non si poteva salire causa vento e cmq non sarei salito per rispetto del luogo, sacro agli aborigeni) ci appostiamo al parcheggio dove c'è la vista migliore per il tramonto. E' davvero emozionante vedere l'ombra salire su questa roccia che fine a qualche minuto prima era accesa da un rosso fuoco impressionante. Scattate le solite 20 foto (stavo ancora imparando ad utilizzare la refelx nuova) torniamo al resort. L'inverno nel deserto si fà sentire, c'erano circa 0 gradi !!!!

14-lug 6° Ayers Rock - Kings Canyon Caricati i bagagli partiamo alla volta dei Monti Olgas (per gli AUS) Kata Tjiuta (per gli aborigeni) a circa 60 km da Uluru. Queste colline hanno la stessa struttura rocciosa di Uluru ma vento e pioggia hanno creato una conformazione che ricorda "tante teste" (traduzione dell'aborigeno Kata Tjuta). Una bella passeggiata di 7,5 km passa attraverso queste "teste" con molti sali-scendi e bellissime vedute !!! da fare !!! Prima di intraprendere i 350 km che ci separano dal Kings Canyon ci fermiamo 1 ora circa all'Uluru aborigenal culutural centre per comprendere di più le tradizioni aborigene. Arriviamo al Kings canyon resort (più bello e meno costoso dell'altro) dopo aver visto qualche wallaby per strada (cugino dei canguri ma più piccolo e tozzo, praticamente un topo gigante)

15-lug 7° Kings canyon - Alice Spring Mi sveglio con la febbre, la tosse e un forte male alle ossa. Sono costretto a rinunciare alla passeggiata tutto intorno al Kings canyon e opto per la passeggiata corta all'interno. Alla fine mi rendo conto di non essermi perso niente, in pratica è giusto una gola e neanche troppo profonda. Imbottito di medicinali partiamo alla volta di Alice Springs e qui il 4x4 si rivela utilissimo. Per risparmiare circa 140 km di strada asfaltata imbocco la Enrst Giles road una strada sterrata che percorre 100 km in pieno deserto. La guida con le 4 ruote motrici su tratti di strada completamente ricoperti di sabbia è davvero divertente. Un pò meno per un gruppo di francesi insabbiati che non riesce più a ripartire e deve aspettare gli aiuti di una grossa Jeep prima di riemergere dalle sabbie. Alla fine del tragitto, durante il quale abbiamo incrociato giusto 3-4 macchine, arriviamo in una zona dove c'è un grosso cratere creato dall'impatto di un meteorite. Nel deserto in lontananza vediamo anche dei cammelli selvatici. Alice Springs è una città di 30mila abitanti. Ci sono tanti aborigeni e niente da vedere

  • 1872 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social