The Sydneys we love

Le otto di sera. Il sole è già tramontato, ma il cielo è ancora chiaro. E' l'ora in cui i pipistrelli migrano dal giardino botanico a qualche parte nel sud della città, forse Centennial Park vicino a noi. I tramonti ...

 

Le otto di sera. Il sole è già tramontato, ma il cielo è ancora chiaro. E' l'ora in cui i pipistrelli migrano dal giardino botanico a qualche parte nel sud della città, forse Centennial Park vicino a noi. I tramonti punteggiati dal volo continuo dei pipistrelli giganti (Fruit Bats), sarà una memoria strana ma allo stesso tempo affascinante che vorrà sempre dire Sydney.

Domani comincia la nostra ultima settimana e dopo un mese possiamo dire di aver soddisfatto una delle curiosità che ci ha portati qui; adesso sappiamo che cosa voglia dire vivere Down Under. Sydney ha tante facce, molteplici personalità, è tante città in una sola, diverse quanto i suoi abitanti. E' questo il suo fascino, insieme ovviamente alla posizione intorno alla baia. La popolazione è costituita dalle etnie e culture più diverse, a volte concentrate in quartieri come Chinatown o Leichhardt, dove stanno gli italiani, ma più spesso sparse e mescolate ovunque. Nella stessa strada convivono take aways e piccoli ristoranti a gestione familiare Libanesi, Greci, Turchi, Giapponesi, Tailandesi, Vietnamiti, Pizza, Kebhab, uno dopo l'altro, tutti che offrono un assaggio autentico della propria cultura perchè nati per gli emigranti del loro paese e non per assecondare i gusti di uno straniero. Sempre dietro l'angolo un 'bottle shop', una istituzione australiana, bottiglierie dove dopo essersi seduti al tavolo di un locale, si va a comprare i propri alcolici secondo l'usanza del BYO, bring your own.

Glebe, Newtown, Balmain, Rozelle, Randwick, ogni quartiere è come una piccola città indipendente, con la sua strada principale densa di locali etnici, piccoli negozi, panetterie e cafes. Queste sono le realtà che ci piacciono di più, in cui passiamo più tempo, dove si vive veramente la città. Sono i posti dove si bevono i migliori caffè e dove si trovano i locali più accoglienti per fare colazione fuori, un meraviglioso vizio locale.

I quartieri sulla costa hanno la stessa atmosfera rilassata: Coogee, Bronte, Bondi, dove surfisti e backpackers si uniscono al mix e la vista sul mare è spettacolare.

Circular Quay con l'Opera House, Sydney Harbour Bridge e il giardino botanico sono la cartolina, ma oltre questo il centro è come ogni altro in una grande metropoli. Grattacieli e grandi magazzini in cui la gente entra ed esce di fretta, con qualche eccezione. Hyde Park è un bel posto per stendersi sull'erba e mangiare un panino; dei centri commerciali il QVB, Queen Victoria Building, è un bellissimo edificio in stile liberty che vale la pena di essere visitato a prescindere dai negozi. Sul retro, Abbey's Bookshop è un paradiso di libri in tutte le lingue.

Lo stile di vita è mediterraneo, ma l'atmosfera cosmopolita e un sistema di trasporti pubblici che funzionano a meraviglia fanno capire di essere in un altro emisfero, o piuttosto in un altro mondo.

Per vedere altri articoli su Australia, Cina e Nuova Zelanda e condividere la nostra esperienza di viaggio intorno al mondo con le nostre due bambine, controlla il mio blog: letiziaaresu.Blogspot.Com

  • 310 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social