Australia fai-da-te

Questo è stato l’itinerario di 22 giorni in agosto (2007): Sydney-Cairns-Magnetic Island-Arlie Beach-Whitsundays-Hervey Bay-Brisbane-Adelaide-Kangaroo Island-Great Ocean Road-Melbourne Clima: in Australia è inverno, abbiamo preso benissimo nell’Australia del sud (sole, tanto sole!) dove avremmo dovuto trovare freddo e maluccio nel Queensland ...

  • di gattolibero
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Questo è stato l’itinerario di 22 giorni in agosto (2007): Sydney-Cairns-Magnetic Island-Arlie Beach-Whitsundays-Hervey Bay-Brisbane-Adelaide-Kangaroo Island-Great Ocean Road-Melbourne Clima: in Australia è inverno, abbiamo preso benissimo nell’Australia del sud (sole, tanto sole!) dove avremmo dovuto trovare freddo e maluccio nel Queensland (denominato “sunshine state” e prontamente ribattezzato "cloudy state") dove avremmo dovuto trovare bel tempo. Insomma è un prenderci.

Temperature più o meno sui 23 gradi Sydney, Melbourne, Adelaide, Kangaroo Island. Sui 25-26 gradi nel Queensland.

Compagnia aerea: abbiamo volato con Emirates, andata: Venezia-Dubai-Sydney con scalo di 1 notte a Dubai (hotel "offerto” da Emirates), ritorno: Melbourne-Dubai-Venezia. In tutto sono 20 ore nette sull’aereo, probabilmente la rotta più breve per andare in Australia dall’Italia. Il viaggio è lungo e interminabile, ma si sopravvive, inoltre il servizio della Emirates è molto buono sia prima della partenza che durante il viaggio (ho prenotato tutto direttamente con il loro call-center, squisiti, ti fanno pure il visto gratis). Voli interni: abbiamo prenotato tramite internet i voli con le due compagnie low-cost australiane, Jetstar e Virginblue, ci siamo trovati bene.

Prima di partire per l’Australia abbiamo letto tanto, forse troppo. Abbiamo letto un sacco di cose, tra cui molti racconti su internet e abbiamo scoperto che l’Australia è un paese che genera falsi miti come forse pochi altri. La maggioranza delle descrizioni sono esagerate e imprecise. Questo racconto è frutto della nostra esperienza, saremo schietti, nudi e crudi. L'Australia ci è piaciuta molto e ci torneremo, è diversa da come ce l’aspettavamo e da come ce l’avevano descritta. In tutta onestà gli unici due che mi hanno fatto una descrizione perfetta di questo Paese sono stati un mio amico inglese e una ragazza australiana DOC. Bibliografia utile: GUIDE: Roughguide Australia (buona), National Geographic Australia, Adventure Travellers Australia del Viaggiatore, Queensland in inglese della Lonely Planet (pessima). Inoltre due libri belli che vale la pena leggere: LETTERATURA: Barriera per conigli/Pilkington, Le vie dei canti/Bruce Chatwin, In un paese bruciato dal sole/Bryson, Walkabout/Camuffo..

Detto questo, ci siamo organizzati da soli prenotando alcune cose via internet per i primi giorni e il resto l’abbiamo deciso in loco giorno dopo giorno.

SYDNEY (5 giorni) Arrivo a Sydney alle 6 di mattina: siamo carichi come delle molle, finalmente siamo in Australia dopo aver letto e sognato tanto, appoggiamo le valigie in hotel (Rydges Capitol Square, 56 euro a notte, hotel senza pretese, noi ci siamo trovati bene) e partiamo alla scoperta della città. La prima cosa che mi colpisce sono gli edifici degli anni '50-’60, "vecchi", mi aspettavo una città ultramoderna, stile New York, invece è tutt’altro. Andiamo sulla Sydney Tower, una ladrata 24$ per arrivare in cima a cui abbinano l’OZtreck experience, un'esperienza terrificante, un teatrino infarcito di stereotipi sull'Australia. Pazienza, ci godiamo il panorama e poi andiamo a pranzo. Dopo io vado a riposarmi, la stanchezza si fa sentire, M. Va a Darling Harbour poi mi telefona alle 6pm dicendo che è giù al pub dell’angolo e si sta facendo una birra con gli australiani. Bravo! Lui si è australianizzato subito, in maniche corte per tutta la vacanza, la prima frase che ha dovuto imparare è “non sono di qui” quando gli australiani chiedevano informazioni varie

  • 12055 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social