Australia orientale

Milano-Sydney-Cairns-Alice Springs e Uluru-Adelaide-Melbourne-Canberra-Sydney-Milano. In questa breve descrizione del viaggio che ha portato me, la mia ragazza e due nostre amiche alla scoperta di una parte dell’immenso e stupefacente continente australe, cercherò di sorvolare (nel limite del possibile) sulle emozioni ...

  • di DiegoD
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Milano-Sydney-Cairns-Alice Springs e Uluru-Adelaide-Melbourne-Canberra-Sydney-Milano.

In questa breve descrizione del viaggio che ha portato me, la mia ragazza e due nostre amiche alla scoperta di una parte dell’immenso e stupefacente continente australe, cercherò di sorvolare (nel limite del possibile) sulle emozioni vissute e mi limiterò a fornire spunti e suggerimenti... perché è quello che cerco io, quando navigo in questo utilissimo e simpaticissimo sito... spero siano utili! Inizio con alcuni consigli pratici: per chi come noi non ha ancora compiuto i 30 anni, è sempre meglio richiedere la tessera studenti in Italia (tramite il CTS) e, per questo viaggio, la tessera VIP backpackers non appena arrivate in Australia, perché dà diritto ad ulteriori sconti e agevolazioni.

I souvenirs hounds farebbero meglio a sapere che la maggior parte degli oggetti tipicamente australiani sono “made in China”! e sono sempre gli stessi ad ogni angolo di città, ma si trovano a prezzi bassissimi a Melbourne (Queen Victoria Market) e a Sydney (Paddy’s Market, nella zona di China Town).

Se cercate il ricordino originale “made in Australia” si trovano numerosi negozi ad Alice Springs (anche gestiti da aborigeni) e a Sydney. Se, da bravi ragazzi, cercate l’opale per la mamma (ma esiste l’oro 18 carati in Australia?) potete trovare un’ampia scelta (con certificato) anche nei vari aeroporti. Infine, se all’ultimo momento, come è successo a noi, siete in cerca del pensiero-ricordino carino da portare agli amici e che non costi una follia, vi consigliamo di comprare boomerang per tutti (più ne prendi e meno paghi!)... non è molto originale, ma sono in vendita un po’ dappertutto e in valigia pesano poco! Il mese scelto per motivi di ferie, settembre, si è rivelato azzeccatissimo: tempo sempre bello, mai troppo afoso, e asciutto. In particolar modo nell’outback abbiamo camminato per 4 ore con 37 gradi sotto il sole... se vi sembrano tanti, pensate che in estate la guida ci ha detto che si arriva a 50... ecco perché tutti quei telefoni d’emergenza che vedevamo in giro! Sempre a proposito di tempo meteorologico, vale la pena scrivere che, durante la nostra permanenza, si è abbattuta sulla città di Sydney una tromba d’aria (la prima nella storia della città, o degli ultimi 100 anni)... che è durata solo 10 minuti, ma ha causato qualche danno... che fortuna!!! Per l’abbigliamento da portare vi consigliamo di leggere attentamente più guide (noi avevamo a disposizione sia quella della Lonely Planet, sia quella della Mondadori)... ad ogni modo, l’abbigliamento è meno caro rispetto all’Italia.

Infine, le colleghe di viaggio mi fanno presente che devo assolutamente scrivere questo episodio e scontare così le mie colpe: la mia ragazza aveva giustamente inserito creme di tutti i generi all’andata e cibarie di ogni sorta al ritorno ma, spaventata e messa in guardia dal sottoscritto, non ha portato niente. Ebbene, la tanto famosa e conclamata quarantena australiana, e i famosi controlli, per noi restano un mito (soprattutto per me, che ero così preoccupato e ho finito con l’ossessionare tutti!): non ci hanno mai controllato in nessun aeroporto e abbiamo buttato inutilmente cibarie, bibite, ma anche medicinali! Perlomeno non abbiamo corso alcun rischio! Se viaggiate da soli con tre donne fumatrici e voi non lo siete... armatevi di pazienza! Le sigarette costano una fortuna e ad ogni angolo qualcuno arriverà per scroccarvele spudoratamente (un paio di volte, al rifiuto dell’ennesima sigaretta ci siamo pure beccati un bel dito medio)

  • 1654 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social