Il Quinto Continente

…l ‘Australia Introduzione Per la luna di miele abbiamo scelto come meta un Paese che assomiglia piu' ad un continente, è un' enorme isola posta fra due oceani, quello Indiano e quello Pacifico, grande una volta e mezzo l' intera ...

  • di Paola & Sandro
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

...L ‘Australia Introduzione Per la luna di miele abbiamo scelto come meta un Paese che assomiglia piu' ad un continente, è un' enorme isola posta fra due oceani, quello Indiano e quello Pacifico, grande una volta e mezzo l' intera Europa: l' Australia !! La visiteremo nel nostro solito modo: in solitaria con tre voli interni e a bordo di un mezzo noleggiato; ne scopriremo soprattutto le zone remote, tralasciando le grandi metropoli per prediligere le distese semi desertiche dell' Outback e del Top End.

San Miniato – Empoli – Firenze – Francoforte – Singapore – Sydney (21 maggio - 22 maggio 2006) New South Wales Il nuovo Galles del sud è il luogo dove il Capitano Cook approdò in Australia e dove venne fondato il primo insediamento europeo nel nuovo continente, oggi è lo stato più popolato e ospita la città più grande della nazione, Sydney.

Sydney (23-24 maggio 2006) Atterriamo a Sydney la mattina molto presto, ma l’adrenalina scorre a fiumi nelle vene e così non tocchiamo letto, anche perché la paura che altrimenti ci svegliamo a sera è tanta! Ci cominciamo a muovere camminando fino alla baia, passando per Martin Place e la Sydney Tower, ma senza salire fino alla discreta quota di 305 metri, , la vista sulla baia è mozzafiato e le vele bianche dell’Opera House sono uno scenario unico, fa un bell’effetto finalmente sostarci sotto! Il nostro primo pensiero è stato quello di vedere...Un Koala!!! Lo so abbiamo tutto il viaggio davanti a noi, ma ho letto che è impossibile incontrarli se non in cattività, e così, a malincuore, siamo andati a cercarli al Taronga Zoo situato a sud della città, facilmente raggiungibile con un traghetto dal molo 2 o 4 . Il parco accoglie moltissimi animali, tra i quali koala, canguri, wallaby, pappagalli, coccodrilli, gorilla, emù, il diavolo della Tasmania e perfino un panda rosso, che sono tenuti in semilibertà ed è quindi permesso di avere esperienze “molto ravvicinate” con alcuni di loro, molto, molto divertente!!! Nel pomeriggio abbiamo visitato l’acquario, un vero spettacolo , composto da tre vasche oceaniche ancorate alla baia nelle quali si possono vedere squali, razze e pesci di grandi dimensioni, specie marine tipiche dell’Australia e foche, i tunnel trasparenti sottomarini sono molto suggestivi! Nel nostro secondo giorno abbiamo conosciuto meglio la città e i suoi sobborghi.

La baia di Sydney è chiamata Fort Jackson e penetra per circa 20 Km nell’entroterra congiungendosi con la foce del Paramatta River.

Il primo insediamento bianco di Sydney sorse sull’appendice rocciosa nel punto dove l’HarbourBridge attraversa la baia, chiamato appunto The Rocks. All’epoca era uno squallido borgo di carcerati, balenieri, prostitute e bande di criminali, poi nel decennio compreso tra il 1820 e il 1830 giunsero i nuovi ricchi che ricostruirono e ripulirono il quartiere.

Harbour Bridge, chiamato dalla gente del luogo ‘vecchio attaccapanni’ , fu completato nel 1932, attraversa la baia collegando la sponda nord di Sydney con la sponda sud, su esso circolano auto, treni, pedoni, podisti e ciclisti, noi l’abbiamo attraversato una prima volta a piedi ed è ha sollevato un po’ di brividi, non so come si possa attraversarlo sulle arcate, molti lo fanno, con un’escursione guidata s’intende! La seconda volta l’abbiamo attraversato in auto, ma è così largo che fa tutta un altra impressione, non ti accorgi neppure di esserci sopra.

L’Opera House si trova sul capo del Circular Quay, i suoi tetti appaiono un po’ come vele gonfiate dal vento e un po’ come un gioco di conchiglie, in realtà nella mente del disegnatore volevano rappresentare delle fronde di palma. Nella mia personale interpretazione ci vedo 6 pesci che mettono in pratica il detto “pesce grande mangia pesce piccolo”

  • 850 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social