Atene, capitale da riscoprire

Quattro giorni nella capitale del mondo classico, alle prese con tanti problemi ma dal fascino senza tempo

  • di Pasqualino Serafino
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Cari tpc, scrivo questo diario per raccontarvi della visita che ho fatto con la mia ragazza nella capitale greca, spesso snobbata dai turisti italiani ma che non è seconda a nessuno in fatto di fascino, monumenti, storia, cultura e cucina.

La prima cosa che di questi periodi preoccupa chi si reca ad Atene è la sicurezza; noi non ci siamo mai sentiti in pericolo la polizia è molto presente anche in periferia e abbiamo incontrato solo una piccola manifestazione. La lingua può creare qualche difficoltà ma le scritte nelle metropolitane sono tutte in inglese come le strade indicate nella doppia dicitura e gli ateniesi parlano bene l'inglese e molti anche un po' di italiano. Le scritte sui pullman sono invece in greco e ciò ne rende difficoltoso l'utilizzo. Le prese sono uguali a quelle italiane, e il costo della vita è un po' più basso che da noi.

4 aprile

Partiamo da Roma Fiumicino con un puntualissimo volo Easyjet (100 euro a persona andata e ritorno) e così alle 10 locali (in Grecia le lancette dell'orologio sono spoaste un'ora avanti rispetto all'Italia) siamo già in territorio greco. Facciamo i biglietti per l'aeroporto che paghiamo 8 euro a testa (la poco simpatica venditrice ci ha fatto il prezzo intero mentre al ritorno abbiamo fatto il biglietto per due persone a 14 euro alle macchinette).

Il treno metropolitano impiega circa 45 minuti per giungere a Syntagma. Qui noi cambiamo perchè il nostro albero Oscar hotel è sulla linea rossa fermata Larissa (135 euro per una doppia per 3 notti colazione compresa). Svolte le pratiche di check-in optiamo per l'abbonamento ai trasporti di 5 giorni per soli dieci euro, scelta che si rivelerà azzeccata. La prima visita la dedichiamo all'Acropoli (costo biglietto 12 euro che comprende la visita ad altre attrazione), meraviglia del mondo classico che è lì da più di 2500 anni. I propilei, le Cariatidi il Partenone valgono da soli una visita alla capitale greca. Terminata la visita, ci rechiamo alla collinetta adiacente dell'Aeropago dove ammiriamo una vista bellissima sull'Acropoli e schiacciamo un pisolino stanche della sveglia mattutina. Riprese le forze, visitamo il Museo dell'Acropoli (costo 5 euro) l'unico che chiude tardi alle ore 20. Il Museo ripercorre la storia dell'Acropoli con video interessanti, le riproduzioni dei fregi (oggi al British Museum a Londra) e le originali Cariatidi qui portate per conservarle in un posto più protetto. La cosa più simpatica è la riproduzione Lego dell'Acropoli con didascalie, da vedere. Ceniamo al To Kati Allo,taverna greca dove con 14 euro in due saggiamo piatti della cucina locale quali gyros e moussaka(si trova nella curva sotto l'entrata del museo dell'Acropoli.

5 aprile

E' domenica mattina e ciò vuol dire cambio della guardia, ma c'è una particolarità; da noi oggi è Pasqua ma qui sono ortodossi e il loro calendario prevede che oggi qui sia domenica delle palme e così nel visitare la Chiesetta in piazza Monastiraki ci fanno dono di un ramoscello di ulivo, cosicchè quest'anno abbiamo festeggiato due volte la domenica delle palme. Alle ore 11 in Piazza Syntagma si tiene di fronte al palazzo del Parlamento ellenico il cambio della guardia davvero particolare per le movenze e gli abiti degli euzoni (le guardie). Duerà una mezz'oretta e al termine si possono fare le foto con gli euzoni ma ci sembra troppo un caos turistico e soprassediamo. In piazza c'è uno stand dell'agenzia spaziale della comunità europea cui si recano molti greci e le tante bandiere dell'Unione Europea esposte in città ci fanno pensare che i greci hanno ancora voglia di Europa nonostante tutto. Dedichiamo il resto della mattinata alla visita ai siti incusi nel biglietto dell'Acropoli: l'agorà antica (col tempio di Efesto il meglio conservato di Atene), la biblioteca di Adriano, l'agorà romana e il tempio di Zeus (lìOlimpeion che si trova sotto l'Acropoli). Poi optiamo per la visita allo stadio Patenaikon (3 euro a persona con audioguida inclusa in italiano). Visita di un'ora circa bella ed emozionante perchè qui si sono tenuti i primi giochi Olimpici dell'era moderna nel 1896 e qui Stefano Baldini ha conluso la maratona vincente nel 2004. Uno stadio da 80mila posti in marmo pentelico di cui è possibile visitare gli spogliatoi dove si guardano filmati sulle olimpiadi e sono esposte le fiaccole di tutte le Olimpiadi. Visita consigliata. Ceniamo a Monastiraki al Goody's il fast food greco che si rivela buono(ma è pur sempre un fast food)

  • 6232 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social