NOA e NEA

NOA = Nord Ovest Argentina e NEA = Nord Est Argentina In realtá ho fatto tre viaggi nel giro di un mese (metá settembre e metá ottobre) sendo in pensione, passo molto del mio tempo in Rosario ed i miei ...

  • di Matusca
    pubblicato il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

NOA = Nord Ovest Argentina e NEA = Nord Est Argentina In realtá ho fatto tre viaggi nel giro di un mese (metá settembre e metá ottobre) sendo in pensione, passo molto del mio tempo in Rosario ed i miei viaggi nel paese sono interrotti dal ritorno a casa, Rosario appunto. Il primo é stato ad Iguazú. Ero con una mia mezza parente con il tempo molto contato, per cui abbiamo preso un viaggio organizzato con volo con Lan Argentina. L'albergo lo avevamo a Foz (Brasile), in realtá Puerto é migliore, é meno cittá ma c'é molta vita. Abbiamo fatto la parte argentina, tutti i percorsi, tutti molto belli, in mezzo ad una vegetazione lussureggiante. Abbiamo preso il barcone (150 pesos) che ci ha portato sotto il Salto San Martín (dove ci siamo bagnati peró é stato molto divertente) e lungo il fiume. La Garganta del diablo da sola vale il viaggio: giá da lontano si vedeva la bruma (é periodo di molta acqua). La parte brasiliana é piú piccola ma permette di avere una vista panoramica anche di quella argentina. Conclusione: é la 6a volta che vado e ancora Iguazú riesce ad emozionarmi. Una cosa: l'entrata ai parci (B. E A.) é differenziata: argentini (o residenti) o abitanti del Mercosur pagano meno: A: 40 stranieri, 17 argentini; B: non ricordo.

Dopo siamo state a Buenos Aires, senza prenotare niente, abbiamo trovato in una perpendicolare dell'Avenida de Mayo a 120 pesos la doppia. Abituata a Rosario ho trovato Bs As un po' cara (es. Taxi comincia con 3,80 e ogni 100 metri circa 38 centesimi) ma per chi ha euro forse non é cosí. Bs As, che conosco bene, mi ha delusa, piena stracolma di turisti che non ci si puó godere fino in fondo la citá. A La Boca, quartiere culturalmente interessante, non ci si capiva piú niente, un bar dietro l'altro, tutti attaccati : in uno ballavano, in un altro cantavano ecc... Cosí Plaza Dorrego (da vedere peró i ballerini, che fanno un tango delle origini, molto bravi, a parte il fatto che sono vestiti secondo gli stereotipi, peró é vero che i primi a ballarlo furono prostitute e magnaccia), cosí Plazoleta Cortázar a Palermo. Comunque San Telmo vale la pena percorrerla con calma come vale la pena prendere un caffé al Tortoni (Avenida de Mayo), ma caffé tipici ce ne sono molti altri.

Il terzo viaggio é stato a Salta (194 pesos da Rosario)dove siamo arrivati dopo un viaggio di 16 ore. Abbiamo cercato sul momento ed abbiamo trovato (100 pesos la doppia senza colazione) a 250 metri dalla piazza pricipale. Bell'albergo, una casona coloniale con tre patios e le camere che danno sul patio. Comunque la media era 170 pesos la doppia). Abbiamo affittato un auto (160 per 200 km, 180 per 800 km e 195 chilometraggio libero, lo conteggiano alla fine, ma devi lasciare una garanzia) Siamo stati alla Quebrada di Humahuaca (patrimonio mondiale culturale e naturale dell'Umanitá per l'UNESCO). All'andata abbiamo fatto la vecchia strada (ce n'é un'altra piú nuova e diritta). Quando andate a nord guardate alla vostra sinistra ed al ritorno uguale: é lí che batte il sole e le montagne assumono vari colori: viola, verde, azzurro, rosa, giallo, arancione: spettacolare. Purmamarca é molto bella. Ancora coloniale con una chiesa modesta, ma dalle linee pulite: forse lí c'é davvero Dio e non gli orpelli del potere. Humahuaca é carina ma non vale Purmamarca. Da vedere Tilcara che conserva case coloniali ed in pucará (specie di posto di sentinella del periodo inca). Questi paesi erano poste del cammino dell'inca. Strada facendo vedono case con nchiese dell'epoca coloniale

  • 843 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social