Saint Martin e Auguilla SOLE E MARE

Io, claudio e mihaela, siamo viaggiatori fai da te e le vacanze le scegliamo autonomamente dando ascolto ad amici e consigli vari. decidiamo di partire, per questo natale, per i caraibi. Scegliamo di andare a saint martin, nelle antille. la ...

  • di primoviolino
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500

Io, claudio e mihaela, siamo viaggiatori fai da te e le vacanze le scegliamo autonomamente dando ascolto ad amici e consigli vari.

Decidiamo di partire, per questo natale, per i caraibi. Scegliamo di andare a saint martin, nelle antille.

La partenza è da milano con un volo alitalia per parigi. Da lì con air france ci facciamo le nostre brave nove ore (circa) di volo e intorno alle due del pomeriggio, accolti da un sole caldisssimo, atterriamo all'aeroporto.

Prendiamo coscienza della lentezza che contraddistingue i popoli di questi luogi. Circa una ora per la consegna dell'auto presa al noleggio benchè vi sia stata la prenotazione efffettuata via internet dall'italia. (scelta consigliata i costi sono contenuti e l'isola va vista tutta).

Ci adattiamo, sorridiamo e andiamo avanti.

Il nostro hotel, captan oliver, è situato sulla linea di confine delle due nazioni che dividono l'isola. Per raggiungerlo bisogna transitare per la città di philisbuorg. Circa un'ora bloccati nel perenne e costante traffico della città. Una lunga ed infinita colonna di auto.

Nel tragitto che ci avvicina alla nostra struttura un miscuglio di razze ben amalgamente tra di loro. Oltre alle strutture turistiche, comunque ben inserite nel contesto, una serie di case in legno o in pietra dai colori vivaci.

Restiamo sull'isola per una settimana dove andiamo alla scoperta delle numerose spiagge dell'isola. Alcune da restare a bocca aperta tale la bellezza e la trasparenza dei fondali con le onde che accarezzavano dolcemente quasi a coccolarla la calda spiaggia bianca, altre un pò più "rozze", con mare schiumoso e spiaggia rocciosa. Ma amche queste avevano il loro fascino.

Obbligatoria la tappa alla spiaggia di maho bay dove, anche su you tube, si può vedere l'aereoporto che è stato costruito praticamente sulla spiaggia e dalla stessa mettendosi in piedi pare quasi toccare gli aerei in atterraggio.

Posto bello ma troppo rumoroso.

Da vedere è la orient bay una lunga striscia di sabbia bianca con mare trasparente, dove vi sono molti piccoli stabilimenti balneari che fittano lettini ed ombrelloni a prezzi convenienti.

Ancora. Con pochi dollari dalla marina di sac de cul è possibile prendere una barchetta - che galeggia in barba a tutte le leggi della fisica - e raggiungere una tranquilla isoletta denominata ilet pinel. Un piccolo paradiso.

Barbecue sulla spiaggia consigliatissimo.

Nell'isola saint mareten c'è di tutto! si va dagli sport acquatici, dal diving, tartuga nuotatrice compresa, dal discreto campo di golf, dai vari campi da tennis, al trekking, alle passeggiate a cavallo lungo le spiaggie e con escursioni via mare. Tutto, credetemi, a prezzi davvero interessanti.

Consigliata la messa domenicale celebreata alle sette (!) del mattino con i canti gospel.

Di sera tanti, non tantissimi, localini in stile caraibico e inglese niente male. Una discoteca il bliss, crediamo gestita e/o di proprietà di un italiano.

Molti ragazzi, pochi italiani.

La migliore aragosta che abbiamo mai mangiato è, invece, stata da jonny "sotto l'albero" un tipico e unico "gazebo" fatto con travi in legno e barbecue artigianale. Il simpatico jonny, che valuta il peso della merce a vista, è una celebrità tra i locali.

Musica a palla e balli coinvolgenti inclusi nel prezzo!

Gli ultimi tre giorni decidiamo di passarli nell'isola di anguilla. Una graziosa e serena isoletta a nord di saint martin.

Si parte ad orari imprecisati, da marigot, città molto chic posta nella parte francese fatta di negozi abbastanza cari e dalle firme più prestigiose. I ristoranti della marina sono molti carini e ben curati. Un mercatino tipico abbellisce e da colore al paesaggio.

Si arriva al porto di anguilla dove non c'è praticamente nulla. Fittiamo un'auto, ma la guida è a destra perchè ci troviamo in terra inglese! allora, per la somma di 20 dollari, il tipo del noleggio mi rilascia un permesso per condurre.

Dopo i primi kilometri fatti faticosamente ci immergiamo in questa magica isola dalle 33 picole / grandi spiagge.

La capitae the valley tranne due grandi banche, un supermercato e quache negozietto non ha praticamente altro.

In realtà si passa il tempo tra una spiaggia e un'altra e tra le lenzuola della camera dell'hotel...

Le strutture tutte molto care, sono posizionate nei pressi delle migliori spiagge.

Il luogo è in verità un paradiso terreste si vive bene, si mangia meglio, e si gode fino al calar del sole. O per nostra colpa o per la coincidenza dei festeggimenti per il natale, di notte la vita è pari a zero.

Pertanto va vissuta solo di giornoin ultimo i tramonti. Vanno visti in ogni spiaggia che è posizionata a est. I giochi di colori delle nuvole intorno al sole che cala nel mare è unico.

Tu viaggiatore che andrai ad anguilla, portataci con te. Facci rivedere con i tuoi occhi quello che i nostri hanno già visto.

Alla prossima.

Claudio e mihaela

  • 6102 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave