Andalusia on the road

Spagna itinerante all'insegna della cultura e del buon cibo, dei colori e dei profumi di una terra meravigliosa tra Siviglia, Cordoba, Granada, Malaga, Gibilterra e Cadice

  • di pavona88
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Per le mie ferie primaverili di quest'anno ho deciso di fare un viaggio on the road in Andalusia con mia madre: le città che abbiamo toccato sono state Siviglia, Cordoba, Granada, Malaga, Gibilterra e Cadice! Un viaggio all'insegna della cultura e del buon cibo (beh con mia madre non potevo certo darmi ai divertimenti più sfrenati ahahah) e di colori e profumi di una terra meravigliosa!

Per organizzare il viaggio e le varie tappe non ci siamo appoggiati a nessuna agenzia turistica, ma molto semplicemente abbiamo prenotato tutto tramite internet (expedia, booking e i siti delle compagnie aeree), con un po' di pazienza ed accortezza si può gestire tranquillamente e risparmiare notevolmente!

La prima tappa è stata Siviglia: con un volo diretto Ryanair (unica compagnia lowcost che fa voli diretti per questa città) arriviamo nel tardo pomeriggio di domenica 3 aprile; come dicevo all'inizio abbiamo optato per un viaggio on the road perciò invece di usare i mezzi pubblici per spostarci da una città all'altra abbiamo deciso di noleggiare una macchina: per evitare noie avevamo già fatto tutto tramite internet, comunque proprio nella hall del ritiro bagagli ci sono molti sportelli di agenzie di noleggio macchine (non abbiamo fatto con l' "Enterprise" e ci siamo trovate molto bene) perciò non dovrebbero esserci problemi anche a fare tutto al momento! Sbrigate le pratiche per il versamento della caparra e il pagamento del navigatore (fondamentale!) e dell'assicurazione base, andiamo a prendere la nostra macchina e via verso il centro città! La struttura scelta è l' "Ostello Sol y Luna": ci siamo passate davanti un paio di volte visto che (per lo meno al momento della nostra visita) era sprovvisto di qualsivoglia insegna e assolutamente impossibile da individuare.. la struttura ricavata nell'appartamento di un un vecchio palazzo è veramente antiquata e sembra di fare un tuffo nella camera da letto della nonna, ma è comunque carino e dispone di camere con bagno privato ed inoltre, cosa importantissima, è veramente centralissimo! Purtroppo però riceviamo una "brutta" notizia: nonostante sul sito della prenotazione fossero segnalati parcheggi gratuiti nelle vicinanze scopriamo che questi sono semplicemente quelli della piazza sul retro dell' albergo (plaza Cristo de Burgos).. ovviamente essendo gli unici parcheggi gratuiti della zona sono perennemente occupati da residenti! Siamo perciò costrette a lasciare la macchina in un parcheggio a pagamento dal prezzo astronomico: per un giornaliero 22 euro, e se non si raggiungono le 24h viene ben 1.80 all'ora! d'altra parte non c'è altra soluzione quindi per questa volta va bene così.. Si è fatto tardi perciò lasciamo le cose in stanza e scendiamo velocemente a cercare un posticino dove mangiare qualcosa per cena: in piazza c'è un locale che fa angolo strapieno di gente che ci attrae subito! ci infiliamo dentro e ci facciamo servire delle tapas al bancone accompagnate da del buon vino rosso! per oggi è tutto, stanche dal viaggio e dalla guida in centro tornìamo in stanza e crolliamo.. l' indomani sveglia presto perchè ce molto da vedere!

lunedì 4 aprile

La giornata è dedicata a Siviglia; purtroppo è una giornata veramente piovosa, ma non ci facciamo abbattere: ci svegliamo presto e ci avviamo a piedi verso la cattedrale passando per il Metropol Parasol, una bizzarra costruzione in legno che dovrebbe riparare dal sole nelle giornate più torride.. peccato non fosse una di quelle! da lì abbandoniamo la strada principale e ci infiliamo in delle stradine secondarie fino ad arrivare alla nostra prima tappa, la Cattedrale! Purtroppo scopriamo che non apre fino alle 11 perciò ci concediamo una seconda colazione bella abbondante sedute in un delizioso locale dietro la chiesa :) rifocillate a modo ci mettiamo in coda per l'ingresso della cattedrale; la coda sembra infinita ma scorre velocemente e in pochi minuti arriviamo alle biglietterie, rinunciamo all'audioguida e con 9 euro a testa entriamo dentro! Inutile dire che è veramente imponente e bellissima! Facciamo il giro di tutte le cappelle laterali, fra i punti più interessanti ci sono sicuramente gli organi e il coro in legno, la cappella Maggiore (spettacolare) e la tomba di Colombo; andiamo infine a "scalare" la Giralda, l'attuale campanile che in origine era un minareto, che dopo una lunga salita ci offre una bellissima panoramica della città!

Ridiscese giù facciamo un ultimo giro veloce nella chiesa e poi usciamo attraverso il cortile con gli aranci. il profumo è fortissimo e sfidando la pioggia ci facciamo un giro fra questi alberi! Una volta fuori ci limitiamo ad attraversare la piazza per arrivare al secondo punto del nostro tour: l'Alcazar Reales; anche in questo caso l'ingresso è a pagamento ma la cifra non supera i 10 euro a testa. E' davvero una visita interessantissima e non potete perdervela! Per prima cosa il palazzo: la bellezza delle sale in puro stile arabo ci ha fatto sembrare veramente di essere tornate a Istanbul! approfittiamo poi di un momento di tregua della pioggia per addentrarci nei giardini, enormi e curatissimi anche in una giornata uggiosa regalano fiori e profumi meravigliosi

  • 29668 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social