Andalusia con la famiglia

Non solo Granada, Cordoba e Siviglia, ma anche bellezze naturali

  • di NICOLAFILIPPO
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Io e la mia famiglia (due adulti e due ragazzi di 13 e 9 anni) abbiamo trascorso una settimana dal 27/8 al 2/9/2015 in Andalusia.

Abbiamo programmato un tour che non ha incluso solo le rinomate Granada-Cordoba-Siviglia ma, amando molto la natura e la tranquillità, abbiamo visitato anche paesi meno noti come Nerja, Estepona, Conil de la Frontera e Cadiz abbinando anche spiagge nei dintorni. Abbiamo evitato gli eccessi e i divertimenti di Malaga, Torremolis e Marbella.

Indicazioni di massima: abbiamo tutte le sere alloggiato in differenti Hostal salvo a Siviglia in appartamento prenotati in anticipo dall’Italia. Prezzi quadruple mediamente di 80 euro a notte, la qualità degli alloggi (pulizia) tutto buona. La sera abbiamo quasi sempre cenato a base di tapas sia per la possibilità di variare le pietanze sia per l’economicità dell’offerta dei vari ristorantini. A pranzo ci si arrangiava con panini imbottiti o simili acquistati/preparati al mattino non sapendo a priori dove avremmo sostato.

Siamo partiti la mattina del 27/8 con volo Ryanair Bergamo - Malaga e abbiamo ritirato presso l’autonoleggio in aeroporto la nostra Nissan Micra (Avis, ma in aeroporto ve ne sono molte altre di compagnie rentcar), copertura all risk. Prima tappa: Nerja.

NERJA

Nerja dista circa 70 km da Malaga (ad est) ed è facilmente raggiungibile con autostrada (autopista), è un paese vivace con tante costruzioni, anche nuove, tutte bianche. E’ famosa per il Balcon d’Europa, promontorio che si affaccia sul mare con vista che spazia verso sud e verso la costa orientale. Il tramonto, tardi verso le 21, dipinge il cielo di sfumatore rosse e più tardi con il buio, le luci artificiali rendono la costa spettacolare. La sera è il punto di ritrovo della gente che passeggia tra le vie ricche di negozi (a buon mercato) e ristorantini. La spiaggia la Buriana è l’arenile del paese dotata di tutti i servizi e adatta per famiglie. L’acqua è gelida e il bagno nel pomeriggio non dura più di un minuto.

Il mattino successivo partiamo per il parco naturale Cerro-Gordo. Si tratta di spostarsi da Nerja per 8-10 km rimanendo sulla litoranea che conduce verso Almeria. La prima baia che si incontra è Maro, si parcheggia vicino alla spiaggia, se si arriva presto. E’ semi attrezzata, abbastanza ampia e fatta di sabbia-sassi. Ci fermiamo poco perché vogliamo proseguire, abbiamo letto di calette più spettacolari. Ed in effetti proseguendo sempre per la litoranea dopo 2-3 km si raggiungono dei promontori-mirador che si affacciano su baie e calette con mare azzurrissimo. Noi scegliamo la baia dei pini che si raggiunge, lasciata la macchina in un ampio parcheggio sterrato, dopo 10 minuti di ripido ma facile sentiero in discesa. La spiaggia lunga di sabbia fine-grossa è praticamente deserta. Ci fermiamo per bagno e picnic. Siamo in Andalusia a fine agosto e c’è assoluta tranquillità e pace.

Ripartiamo nel primo pomeriggio perché ci aspetta un’ora di macchina per raggiungere Granada.

GRANADA

Arrivati in centro presso l’hostal prenotato, ci attendono 42 gradi. Fortunatamente è tardi pomeriggio e il sole è basso, quindi passeggiamo piacevolmente per le vie del centro storico attorno alla cattedrale e nel quartiere dell’Albaycin. Non c’è eccessiva confusione e ceniamo a base di tapas.

Il giorno successivo visitiamo la famosa Alhambra di mattino presto. Si consiglia di prenotare dall’Italia il biglietto tramite apposito sito internet, stabilendo l’ora di ingresso a priori. Per evitare di perdere tempo, si possono ritirare il giorno prima i biglietti direttamente presso boxoffice (uffici) in centro a Granada

  • 13576 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social