In Andalusia è sempre festa

In questa splendida regione della Spagna si stava e si sta bene. La storia insegna...

 

L’Andalusia vale sempre la pena di un viaggio. Ma perché è così bella e attrattiva questa regione del sudovest della Spagna? C’è un metodo per riconoscere e individuare a priori i posti più belli del mondo?

Certo che c’è, e si basa su due “materie” ben precise: la storia e la geografia. Peccato che anni di scuola non ci abbiano (in linea di massima) insegnato granché, o che addirittura ce le abbiano fatte odiare. In realtà, se uno pensa al clima dell’Andalusia, a cavallo fra Atlantico e Mediterraneo, a contatto con Gibilterra e l’Africa, fa alla svelta a intuire che è un bel posto dove si stava e si sta bene, collocato strategicamente. E, infatti, ci sono andati tutti, fin dall’inizio del tempi: nel Paleolitico l’uomo si è insediato lì perché c’erano un sacco di metalli e un fiume, il Guadalquivir, che portava facilmente al mare. Poi ci sono arrivati greci, fenici, cartaginesi, romani, vandali, visigoti e, finalmente, gli arabi, che le hanno dato il nome (Al Andaluz) e l’hanno dominata fino a metà del 1200 e in parte fino al 1492 (data fondamentale della Reconquista Cristiana e – non a caso – della scoperta dell’America).

Il Guadalquivir (ancora lui) ha fatto la fortuna di Siviglia, che è diventata la sede della Contraction, cioè dei commerci con le Americhe appena scoperte. E la pacchia è durata fino alla fine del 1600, cioè – a proposito di storia&geografia – fino all’insabbiamento della foce del fiume e fino alla peste. Ma in quei mille anni (dal 700 al 1700, cioè dall’arrivo degli arabi alla peste), ne sono successe di tutti i colori. Hanno convissuto tradizioni diverse e fazioni opposte: arabi, cristiani, musulmani, ebrei, marrani e moriscos (cioè musulmani convertiti al cristianesimo e viceversa), che si sono mischiati e combattuti ma che, alla fine, hanno lasciato tracce meravigliose.

A Siviglia partiamo dalla Giralda, dall’Alcazar, dalla Torre de Oro e dalla Cattedrale fino all’Arena dei tori e ai palazzi lasciati in eredità dall’Esposizione Latino-americana del 1929. A Cordova c’è la magnifica Mezquita e la Juderia (dove è nato il medico-filosofo Maimonide a cavallo del 1200), ma anche i patios, cioè i giardini interni delle vecchie case. A Granada (che è l’ultima a cadere sotto le grinfie dell’Inquisizione dei cattolicissimi re di Spagna) c’è l’Alhambra, e ci sono ancora tracce dello splendore che attirò qui un sacco di artisti e intellettuali (Dumas, Dalì, Lorca…). Ecco un’altra traccia importante per trovare i bei posti: gli artisti non sono mica scemi, e se frequentano un luogo c’è sempre un perché. Per non parlare della gastronomia: un posto dove si mangia bene è anche necessariamente civile e accogliente. In Andalusia hanno inventato le tapas, che sono contemporaneamente piatti e locali, e soprattutto un modo di stare assieme. Affrettatevi, siete ancora in tempo, prima che faccia troppo caldo.

Annunci Google
  • 4324 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social