Amsterdam e dintorni

Un gruppo di simpatici amici alla scoperta della città dei mille canali e non solo!

  • di mau14
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 10
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Trovare una città europea come meta per un viaggio tra amici che possa soddisfare dieci/dodici persone non è facile. Londra, Parigi, Madrid o Barcellona chi più chi meno sono già state visitate.

Ecco spuntare Amsterdam. Perfetto, nessuno c’è stato e la meta trova molti consensi. Così Mauri tra una vacanza estiva e una “cullatina” al nipotino nato da pochi mesi, organizza il viaggio. Prenotato volo, hotel e visite ai musei, siamo pronti!

Ci incontriamo all’alba di domenica primo ottobre all’aeroporto di Malpensa. Volo Easy Jet delle 6,20. Siamo cinque coppie che lasciati per qualche giorno impegni vari, figli e nipotini sono pronti per una vacanza all’insegna dell’amicizia e dell’allegria. Il volo è regolare. Dall’aereo ammiriamo l’alba sopra le nubi e in perfetto orario atterriamo all’Aeroporto Schiphol alle 8,10. Recuperiamo velocemente alcuni trolley che erano stati imbarcati in stiva e fatti i biglietti da comodi totem, situati nel salone arrivi, raggiungiamo il treno che in circa venti minuti ci porta alla Stazione Centrale di Amsterdam. Servizio comodo ed efficiente. Se perdi un treno aspetti solo pochi minuti.

Usciamo nel piazzale della stazione e dopo aver evitato alcuni ciclisti (una costante nella nostra permanenza nella capitale olandese) percorrendo la Damrak raggiungiamo il nostro hotel. Abbiamo prenotato presso l’hotel Rho (!), nelle immediate vicinanze di Piazza Dam, il punto nevralgico della città. Le camere non sono ancora pronte, notiamo comunque un notevole via vai di persone e grande impegno da parte degli addetti alla reception. Sbrigate le formalità, lasciamo i nostri bagagli in una stanzetta riservata e zainetti in spalla siamo pronti per la scoperta della città.

Ritorniamo verso piazza Dam dominata dall’imponente Palazzo Reale, che purtroppo causa una mostra di pittura, è chiuso e quindi non possiamo visitarlo. Sul lato destro la Nieuwe Kerk (chiesa Nuova), fondata nel 1408 in stile gotico e ora adibita a sede di mostre e concerti. Dall’altro lato la sede del museo delle cere di Madame Tussauds.

Ritornando vero il “Damrak”, sull’angolo della piazza la sede della “ABM BANK”, che a noi ex bancari sollecita piacevoli ricordi. Il Damrak è l’arteria principale della città, un tempo ramo del fiume Amstel, utilizzato come attracco delle barche da pesca e da navi da carico.

Riscendendo verso la stazione, sulla destra, il più fornito grande magazzino della città “De Bijenkorf”. Vuoi vedere che le signore vogliono già entrare per una visitina…? Macché da brave turiste osservano e passano oltre! Poco più avanti l’imponente mole della Borsa di Amsterdam la “Beurs van Berlage”, dal nome dell’architetto che la costruì. Sull’altro lato negozi di souvenir, bar, ristoranti, alberghi e negozi di vario genere tra cui un piccolo locale specializzato nella vendita di “solo” patatine fritte, servite in coni di carta di vario genere e con salse per tutti i gusti. Più avanti, sempre sulla destra, battelli coperti da vetrate che attendono i turisti per i vari tour della città, ormeggiati nel piccolo e tranquillo specchio d’acqua. Intanto incominciamo ad ammirare la particolare architettura dei palazzi adagiati sui canali. Niente balconi, alcuni spioventi in avanti, altri volutamente inclinati su un lato. Molti frontoni con disegni diversi e sulla sommità una trave montacarichi che serviva per issare con l’argano merci o voluminosi mobili e la facciata inclinata evitava che le merci sbattessero sulla parete. Inoltre la pioggia non ristagnava, cosicché le parti di legno dell’esterno non marcivano e l’umidità era ridotta

  • 29278 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social