Amsterdam, città piena di contrasti

Bellissima, viva, ordinata, colorata e caratteristica, con i suoi eccessi legalizzati ma… viva Amsterdam!

  • di eliguer
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

MARTEDì 25 APRILE

Eccoci qui, sempre le mitiche 4 donzelle in giro a far danni e stavolta siamo nella spregiudicata e trasgressiva Amsterdam!

Partenza da Bergamo per Eindoven con Ryanair al costo di 70 euro , preso a gennaio. Volo di circa un oretta e mezza tranquillo! Dall’aeroporto per Amsterdam puoi prendere il pullman o il treno dalla stazione di Eindoven: noi per ottimizzare il tempo visto che c’era un buco negli orari del pullman dalle 16 alle 18 abbiamo preso la navetta con Amsterdam Viaggi comodissima: 25 euro a tratta (bus e pullman non ci costava molto di meno), ci sono venuti a prendere direttamente agli arrivi all’aeroporto con tanto di cartello e ci hanno lasciato proprio davanti al nostro appartamento ad Amsterdam. Arriviamo al nostro appartamento, in pieno centro, a 10 minuti a piedi da Piazza Dam e proprio di fronte al museo marittimo di Renzo Piano Nemo. Ci aspetta Flavia, una signora olandese che parla un ottimo italiano: ci dà le chiavi e ci spiega un po’ di cose. L’appartamento è in classico stile olandese, su tre piani: sala/cucina bella grandina e attrezzata di microonde e lavastoviglie, piatti, pentole, posate, persino caffè, zucchero e the, poi scaletta veramente ripida che porta ai piani superiori con le camere e il bagno. In totale su tre piani! Costo 50 euro a notte per persona! Direi ottimo rapporto qualità/prezzo, pulito soprattutto. Spesa, cena a casa e giretto nel famoso Quartiere rosso. Pieno di gente, molto pittoresco, pieno di sexy shop, locali dove andare a vedere film porno o spettacoli dal vivo, coffee shop e con le famose “donnine” in vetrina. Devo dire che mi ha stupito l’età veramente bassa di queste bellissime ragazze: leggevo che molte di loro fanno questo lavoro per pagarsi gli studi… e devo dire che mi ha stupito la pulizia di questi posti (ogni vetrina aveva tutto il necessario per lavarsi compreso il lavandino) e la serietà di queste ragazze. Non volevano assolutamente farsi fotografare. Parlavano prima col cliente aprendo la porta della vetrina e poi se tutto ok tiravano la tenda: lì capivi se una ragazza era occupata o no! Le vie laterali erano riservate ai trans... Il concetto è quello delle nostre vecchie case chiuse: donne che fanno della prostituzione il loro lavoro, pagando le tasse e dal punto di vista medico debitamente controllate! Un vero segno di civiltà e soprattutto di non ipocrisia! Poi giriamo senza meta ammirando scorci di canali e chiese molto pittoreschi! Buonanotte città che non dorme mai!

MERCOLEDÌ 26 APRILE

Primo giorno ad Amsterdam! Primi giri tra le vie e i canali di questa bellissima città, con le luci del sole e del giorno, con nuvoloni neri come pece e scrosci d’acqua improvvisi. Con un freddo pungente e un vento gelido, ma sempre una città magica. Con le sue case strette e storte, con queste grandi finestre e con le sue miliardi di biciclette. Stamattina visita al Museo di Van Gogh. Per arrivarci abbiamo usato il tram facendo il biglietto che vale tutto il giorno a 7.50 euro a persona. Per il museo avevamo già fatto il biglietto on line per l’entrata alle ore 9.30 e devo dire che abbiamo fatto bene perché già così presto c’era una bella coda. Con l’audioguida siamo stati dentro al museo dalle 9.30 alle 12.30 circa. È strutturato molto bene, con quadri e disegni del pittore, con i suoi famosi girasoli! Usciti da qui siamo andate alla CASA DI ANNA FRANK. Siccome non siamo riuscite a prendere i biglietti on line perché era pieno, ci siamo dovute fare la fila dei biglietti non prenotati che fanno entrare dalle 15.30 in poi. Per fortuna siamo arrivate presto: eravamo all’inizio della coda che poi è diventata chilometrica! Intanto che eravamo in coda ci siamo mangiate il famoso panino con le arringhe preso ad un chiosco lì vicino molto buono! E poi gustoso pan cakes in un locale vicino! Finalmente entriamo nella casa di Anna Frank! Io avevo appena finito di leggere il libro e devo dire che è stato molto toccante essere negli stessi luoghi in cui l’adolescente Anna e la sua famiglia hanno vissuto il loro esilio forzato! Vedere queste stanze buie, oscurate per non far vedere all’esterno che la casa era abitata. Camere piccole dove stavano 6 persone tutte insieme, che dovevano stare attente a non fare rumore, avevano gli orari per andare in bagno. In certe ore del giorno non potevano nemmeno tirare l’acqua. Vedere e sentire le voci delle persone che li hanno aiutati, di suo padre, l’unico sopravvissuto… della sua amica che ha visto Anna negli ultimi giorni della sua vita ad Auschwitz. Da far venire le lacrime agli occhi! Uscite da qui ci siamo fatte un bel giro in battello sui canali, molto rilassante! Poi giretto in centro e cena a casa tutte insieme con due amiche simpaticissime compagne di viaggio incontrate per caso lì!

GIOVEDÌ 27 APRILE

Oggi Festa del Re: città tutta arancione e piena di gente a festeggiare! Noi però abbiamo preferito stare fuori città, troppo casino, ce lo siamo goduti la sera! Abbiamo preferito dedicare la giornata ai colori e ai profumi. La mattina siamo state al Parco Keukenhof, un bellissimo parco tutto fiorito di tulipani e giacinti! Un tripudio di colori e aiuole fiorite, sembravano dei dipinti! Il parco si trova ad una mezzoretta da Amsterdam: abbiamo preso il treno fino all’aeroporto Schipol e poi da lì il bus 858 che porta direttamente al parco! I biglietti li abbiamo presi on line a 16 euro, ma non c’era grande coda quindi si possono tranquillamente prendere là! C’è da dire che però noi siamo arrivate presto, verso le 9.30! Appena entrate siamo state colpite dai colori dei tulipani e da queste aiuole: un accostamento di colori che sembrava di guardare ogni volta un dipinto diverso! Tulipani di tutti i tipi e colori, grandi e piccoli, a punta e zigrinati. Foto a raffica! Il primo pomeriggio abbiamo ripreso il bus verso Schipol e dal lì abbiamo preso il treno per Zaanse Schans. Questo piccolo paesino di mulini a vento molto turistico ma decisamente bello. E’ immerso fra i canali con mulini a vento ancora funzionanti, la fabbrica degli zoccoli molto caratteristica e colorata, il caseificio dove producono il loro formaggio tipico molto buono. Insomma, un bel paesino anche se faceva molto freddo e tirava un vento allucinante! Tornate ad Amsterdam ci siamo fatte un giro per la città colorata di arancio per la festa del Re, festa nazionale! Tutto chiuso e tutti in giro per le strade a bere e a festeggiare, tutti con qualcosa di arancione addosso che sia una maglietta o una parrucca. A me sembrava un gigantesco rave party, con gente a ballare per le strade completamente ubriaca. Particolare!

VENERDÌ 28 APRILE

Oggi giornata dedicata ad Amsterdam città. Dopo i bagordi della festa del re la città ha ripreso a funzionare tranquillamente trasporti compresi. Efficienza a manetta! La mattina siamo state al mercato galleggiante dei fiori Bloemenmarkt dove abbiamo fatto incetta di bulbi di tulipani. C’erano fiori di tutti i tipi, bellissimi e freschissimi. Questo mercato un tempo era galleggiante sui canali oggi invece è su una sorta di palafitte. Abbiamo fatto anche degustazione di formaggio tipico loro nei numerosi negozi di formaggio che sembrano delle gioiellerie. Dopo di che siamo andate al Begijnhof, il cortile delle beghine molto bello e caratteristico. Sembra uscito da un libro di fiabe. Le beghine erano un ordine cattolico di donne nubili o vedove che conducevano una vita casta senza prendere voti e qui vivevano. L’ultima beghina morì nel 1971. Oggi il cortile è abitato, infatti lo si può visitare, ma solo le due chiese e parte del cortile. Poi c’è una sbarra con un bel divieto di ingresso! Da qui sempre a piedi e gironzolando siamo andate all’altro mercato famoso della città, l’Albert Cuypmarkt dove c’è un po’di tutto, dal cibo orientale e olandese, agli accessori per la bici campanelli compresi, al vestiario. Ci siamo mangiate un loro biscotto tipico gigante col caramello tipo wafer caldo… buonissimo! La sera siamo state a cena ad un ristorante messicano EL VINO trovato su Tripadvisor, recensioni ottime. E difatti ci siamo trovate benissimo: locale caratteristico piccolo quindi conviene prenotare! Abbiamo preso nachos, fajtas, sangria e vino a go go, tutto molto buon e abbondante! Abbiamo speso 25 euro a testa con doppio giro di tequila e dolce offerto. Fantastico! Adriano, il cameriere (o forse il proprietario), è simpaticissimo. Ci ha fatto fare la foto col sombrero e poi ci ha abbracciate all’uscita! Premetto che pure noi eravamo belle allegre! Abbracci, saluti e baci con le nostre fantastiche compagne di viaggio e sabato mattina alle 8.30 ci viene a prendere puntuale la nostra navetta che ci porta in aeroporto! Ciao ciao Amsterdam. Bellissima città, viva, ordinata, colorata e caratteristica… con i suoi eccessi legalizzati ma viva Amsterdam!

  • 6374 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social