Costiera Amalfitana

Vacanza rilassante in un posto da sogno

  • di cirneco1
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Decidiamo di fare qualche giorno al mare e pensiamo di andare nella famosissima costiera amalfitana

Partenza 8.54 da Milano - Rogoredo con Italo ed arriviamo alle 14 a Salerno (viaggio comodissimo).

Usciamo dalla stazione e prendiamo un pullman della Sita che ci dovrebbe accompagnare ad Amalfi, ma arrivato a Maiori, non riparte più e l’autista Salvatore ci avverte che dobbiamo aspettare qualche minuto il successivo.

Arrivati ad Amalfi, prendiamo la coincidenza per Furore alto, paesino dove abbiamo alloggiato al b&b “Tenuta la Picola“, (70 euro la doppia) che consiglio. Il paese non è sulla costa, dista 8 km quindi bisogna essere auto/scooter muniti, però c’è una bellissima vista. Guido, il titolare, è molto gentile ed assieme al “Professore”, che lo aiuta a gestire la tenuta, ci danno consigli per spiaggia, mare... Arrivati alla tenuta inizia a diluviare, iniziamo bene! La sera ci consigliano il ristorante /pizzeria “Le bontà del capo” a Conca dei Marini ottimo, ci accompagnano e ci vengono a prendere.

Martedì 24 luglio

Anche se c’è un cielo grigissimo, noleggiamo uno scooter e partiamo per Ravello... a metà strada ecco il diluvio. Ci ripariamo sotto un terrazzo e aspettiamo che smetta. Dopo una decina di minuti ci avventuriamo fino a Scala, bel paesino .

Dopo, riprendiamo lo scooter ed andiamo a Ravello e per fortuna smette di piovere. Un bellissimo paese che ti permette di girare tra le viuzze, vedere un bellissimo paesaggio e poi visitiamo Villa Cimbrone (la famosa terrazza del film di Sissi) e poi Villa Ruffolo, dove d’estate c’è il festival della cultura (salendo sul palco ti permette di vedere uno scorcio della costiera, spettacolare).

Decidiamo di scendere e ci fermiamo ad Atrani per mangiare una pizza (ottima alla pizzeria Le Palme ed economicissima, come in tutta la zona) e poi puntiamo ad Amalfi, dove vediamo il bellissimo duomo e giriamo tra le viuzze. Sinceramente è il paese che ci è piaciuto di meno, troppi turisti!

Dopo questo tour de force decidiamo di rientrare, perché la sera vogliamo ritornare ad Atrani, perché è la festa del paese. Purtroppo, ci arriviamo sotto il diluvio, per fortuna ci eravamo portati dei k-way. La gente è tutta sotto i tunnel che aspetta che smetta, tutte le luci pero’ vengono accese , molto carino.

Alle 24 ci dovrebbero essere i fuochi e quindi tutti rimangono vicino alla piazza (il paese è piccolissimo) e noi andiamo a mangiare in un ristorantino. Preoccupati per il rientro, invece smette ed addirittura in dieci minuti viene sistemato il palco al centro della piazza e si tiene il concerto di musica classica programmato. Noi decidiamo di rientrare, visto che non piove, e dobbiamo saltare i fuochi. Ci è dispiaciuto molto, perché dicono che sono veramente belli.

Mercoledì 23 luglio

Le previsioni dicono che ci sarà bel tempo e quindi ci avventuriamo fino a Positano, una trentina di km lontano da Furore. Riusciamo a parcheggiare vicinissimo al centro, ed inizia la nostra prima giornata di mare. Positano è un bellissimo paese colorato, incastonato tra il verde della collina, ed il fucsia delle bouganville. Passiamo la giornata nella spiaggia pubblica , pulita e vicinissima ai locali. Essendo ventilata riusciamo a stare in spiaggia fino a tardo pomeriggio... giretto tra le vivaci viuzze di Positano, piene di gente, negozi (lino e sandali splendidi) e rientro in b&b dove ceneremo sulla terrazza panoramica.

Giovedì 24 luglio

Giornata splendida si va a Minori. Paese leggermente piu’ grande, con un bel lungomare, con negozi ed oggi giornata di mercato. Ci sistemiamo nella spiaggia pubblica, ma oggi non c’è il venticello, i 34 gradi si sentono tutti

  • 23907 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social