Bem-vindo em Portugal

Portogallo itinerante tra panorami mozzafiato, castelli e città

  • di hummin
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ci sono luoghi capaci di stregare, di affascinare e rapire il cuore ed è quello che è capitato a noi con il Portogallo. Lo visitammo per la prima volta 4 anni fa, in quell'occasione decidemmo di esplorare Lisbona e Porto, le due città principali del paese, con brevi digressioni a Sintra e Cascais e restammo talmente affascinati da prometterci che un giorno o l'altro saremmo ritornati.

Si sa le promesse vanno sempre mantenute, soprattutto quello fatte a se stessi, e noi ci siamo riusciti proprio quest'anno, quando è stato il momento di decidere la meta delle tanto agognate ferie estive non abbiamo avuto alcun dubbio.

Il nostro desiderio però era quello di visitare un'altra parte del paese, vedere un Portogallo diverso e almeno in parte meno turistico e conosciuto, per questo abbiamo deciso, seppur a malincuore, di saltare Lisbona per recuperare qualche giorno da dedicare ad altre mete.

20 SETTEMBRE

Partiamo con volo Ryanair, come sempre acquistato con parecchio anticipo, dall'aeroporto di Pisa per noi comodissimo.

Atterriamo a Lisbona nel primo pomeriggio dopo un volo di due ore e mezza, è una splendida giornata ci rechiamo quindi subito a recuperare l'auto a noleggio presso la Sixt, anche questa prenotata online ma pochi giorni prima della partenza.

La prima tappa del viaggio è Obidos ad un'ottantina di km a nord di Lisbona. Si tratta di una tappa intermedia fatta più che altro per spezzare il percorso che però si rivela quasi subito una lieta sorpresa, Obidos infatti è una deliziosa città medievale totalmente circondata dalle antiche mura.

Ci sistemiamo in hotel, il Patio das Margaridas a poco più di un km dal centro della città, soluzione buona soprattutto se ci si deve trascorrere una notte come nel nostro caso. Uno dei lati positivi del Portogallo è l'essere estremamente economico, ad esempio qui spendiamo 45 euro in due per pernottamento e prima colazione, certo si tratta di una soluzione un po' spartana ma la stanza è pulita e confortevole e l'accoglienza molto buona, per un prezzo simile non si può chiedere di più.

Dopo un breve riposo e una doccia filiamo subito in città, ci saremmo pure potuti andare a piedi vista la distanza ma prevale un po' di pigrizia e oltretutto siamo fuori dal periodo di massima affluenza turistica quindi parcheggiamo praticamente davanti ad una delle porte d'ingresso. È uno di quei posti dove è bello passeggiare senza un vero scopo, ci si lascia rapire dall'atmosfera senza pensieri. Non c'è molta gente e siamo quasi al tramonto, facciamo tappa nei vari negozi di souvenir e prodotti tipici che costeggiano la via principale del paese, ed arriva in fretta l'ora di cena con il conseguente ed amletico dubbio di dove andare a mangiare.

In verità c'è l'imbarazzo della scelta, confusione non ce n'è, si tratta quindi di prendere una decisione! Dopo un breve conciliabolo con la mia consorte al termine del quale come è normale decide lei, finiamo al Restaurante Memoria. Lo cito anche se non è mia abitudine fare il critico gastronomico, c'è una bella atmosfera e il locale non è grande, personale gentile e disponibile ed ottimo cibo. Il conto a fine serata in questo viaggio è quasi sempre una lieta sorpresa, si mangia bene e tanto e raramente si spendono più di 20 euro a persona

  • 12893 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social