Albania in auto come Thelma e Louise

L'Albania è storia, cultura, mare bellissimo. E' una meta sicura ed economica.

  • di Silviaontheroad
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Quando io e mia sorella abbiamo deciso di fare questo viaggio, ci hanno guardato come marziane. Ma l'Albania è sicura, accogliente ed economica. Volo Blue express Bergamo-Tirana. Ritiriamo l'auto, una Seat Ibizia, e cerchiamo il nostro hotel. Tramonto sulla bellissima piazza Skanderbeg. Cena spendendo circa 5 euro a testa, birra compresa.

Secondo giorno: a piedi per la città. Da non perdere: il museo nazionale, la moschea Et'em Bey, una passeggiata nel Block. Il pomeriggio andiamo a rinfrescarci al parku I Madh con il suo lago artificiale.

Terzo giorno: in auto verso Berat, che ha un centro storico UNESCO. Lungo la strada visitiamo il sito archeologico di Apolonnia, molto bello. Arriviamo a Berat nel pomeriggio e alloggiamo nel quartiere Mangalem. Un attimo di respiro e saliamo al castello, dove c'è il museo. Una curiosità: ci sono ancora delle case all'interno. Dopo il tramonto scendiamo (o meglio pattiniamo, vista la strada scivolosa) e superiamo il fiume Osum per cenare nel quartiere di Gorica.

Quarto giorno: Gjirocastra, altra città patrimonio UNESCO. Visitiamo il castello e alcune case tipiche musulmane, caratterizzate da due torri. Volendo qui c'è la casa natale di Hoxha, trasformata in museo. Passiamo per il bazar, pranziamo e andiamo a Saranda, dove alloggeremo tre notti. La cittadina di Saranda è al confine con la Grecia ed è molto famosa. Il centro è praticamente il lungomare, la spiaggia di ciottoli è molto bella. Ma per i miei gusti è già stata devastata da costruzioni palazzo.

Quinto giorno: Butrinto. Questo sito archeologico, su un'isoletta, è meraviglioso. Merita almeno mezza giornata di visita. Al pomeriggio ci riposiamo sulla spiaggia di Saranda.

Sesto giorno: in auto sulla riviera albanese. Il mare è bellissimo, facciamo alcune tappe. Ksamil, molto affollata, scappiamo subito. Dhermi, molto bella, ci prendiamo i lettini e l'ombrellone. Al ritorno sosta a Porto Palermo.

Settimo giorno: in viaggio verso Durazzo, ci fermiamo alla laguna di Narta, purtroppo quasi senza acqua. Arriviamo a Durazzo e concludiamo la giornata passeggiando sul lungomare e vedendo un bellissimo tramonto.

Ottavo giorno: visita a Durazzo. da non perdere l'anfiteatro e il museo archeologico. Nono giorno: volo di rientro alle 11.35.

Tornerò in Albania per visitare la parte nord. È un Paese da non perdere, a due passi dall'Italia, dove tutti parlano italiano grazie alla TV. Se volete fare una vacanza prevalentemente di mare, vi consiglio Dhermi. Un'auto è sempre comoda, ma se siete timorosi gli autobus sono efficienti e i taxi sono economici.

  • 1210 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social