Albania: una terra da scoprire

Magnifica vacanza sulle coste albanesi tra baie e mare azzurro

  • di Lisa Chiefa
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Era da tempo che pensavamo di affacciarci in Albania, tanti conoscenti albanesi che ce ne parlavano con entusiasmo e, un po' per curiosità, un po' per sfidare i preconcetti, io e Paolo abbiamo comprato il biglietto aereo.

Siamo partiti da Pisa il giorno 11 luglio con la Compagnia Blu Panorama alle ore 18,50 con arrivo a Tirana alle 20,15. Atterrati in perfetto orario abbiamo noleggiato l'auto precedentemente prenotata dall'Italia, una Skoda benzina 1200 che ci ha dato grandi soddisfazioni in termini di comfort e di consumi (800 km con 60,00 euro di benzina). L'aeroporto e la città di Tirana distano circa 20 km e l'abbiamo percorsa in 30 minuti. Alcune cose da tener conto: rispettare i limiti di velocità, guidare con i fari accesi anche in pieno giorno, sapere che il navigatore non prende bene il segnale nella città di Tirana e soprattutto, ma non c'entra niente con la guida, si paga tutto in contanti, sia alberghi che ristoranti!

Abbiamo alloggiato all'Hotel Boheme in pieno centro città prenotato con Booking. È posto al decimo e ultimo piano di un palazzo con ascensore panoramico e altro ascensore per l'auto! L'albergo è veramente bello e confortevole con prezzi strepitosi (in 2 con prima colazione inclusa 48,00 euro) e colazione sulla terrazza a vetri. Il personale è gentilissimo e parla italiano. La sera stessa dopo aver lasciato le valigie ci siamo incamminati per il centro città e abbiamo scoperto una città effervescente, metropolitana, piena di locali nuovi e gente giovane. Abbiamo attraversato un po' di stradine sino ad arrivare nel ristorante del Casino' per cenare all'aperto con un piatto a base di pesce (costo totale 27,00 euro in 2). Siamo arrivati sino alla piazza centrale, piazza Skanderbeg, dove si può ammirare l'antica Moschea Ethen Bey, visitabile di giorno gratuitamente, il Museo di Storia Nazionale, visitabile al costo di 3 euro a persona sulla cui facciata si può apprezzare un mosaico simbolo dell' Albania, la torre dell'Orologio e dove abbiamo potuto ascoltare la musica di un orchestra sino all'una di notte. Tutto molto suggestivo! Lasciata la piazza abbiamo percorso nuove strade per tornare in albergo apprezzando la pulizia e l'ordine.

Al mattino, dopo la colazione sulla terrazza panoramica, siamo ritornati in centro per comprare una scheda con traffico dati con la compagnia Eaglemobile al costo di 3 euro per 5 GB e abbiamo visitato il bunker antiatomico Bunkart con annessa mostra contemporanea, il Museo Nazionale e il maestoso mausoleo di Hoxha a forma di piramide, visitabile solo all'esterno. La città, di giorno si è presentata ai nostri occhi come un piccolo gioiello ben curato, pulito e ordinato.

Verso l'ora di pranzo abbiamo preso la macchina e ci siamo diretti verso Durazzo, città distante 30 km che costeggia l'Adriatico. Non ci siamo fermati, l'impatto non è stato così piacevole, un po' sporca, strade non asfaltate, traffico caotico. Abbiamo deciso di proseguire e di andare in direzione Orikum. Percorsi circa 130 km, che in ore si traducono in 2 ore di viaggio per i limiti di velocità e la qualità delle strade, siamo arrivati alla seconda nostra destinazione, l'Hotel Blu Paradise, albergo solitario di fronte al mare, prenotato con Booking, dove la spiaggia di sassolini rende l'acqua trasparente e dove si può apprezzare un tramonto magnifico. Sia l'albergo, i gestori e il mare sono risultati al di sopra delle nostre aspettative. La Sig.ra Mimosa ci ha preparato una cenetta deliziosa a base di pesce, ha spento tutte le luci del porticato, lasciandoci inebriare dal tramonto e dalla dolce musica di sottofondo

  • 15899 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social