Alaska: nell'estremo Nord

Dall'Alaska allo Yukon: un viaggio tra boschi innevati e ghiacciai

  • di ironino
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Volo su Anchorage. Affitto di un super SUV 4x4.

Pernottamento ad Anchorage: Anchorage Grand Hotel (pulito, posizione comoda, qualità media).

Anchorage non è un granché come città (noi avevamo la guida della lonely planet e abbiamo preso spunto da lì per girarla). Due giorni ad Anchorage sono più che sufficienti.

Siamo andati a Nord:

Eklutna: piccolissima cittadina con un cimitero molto particolare perché ci sono le “casette degli spiriti” (so che sembra una cosa un po’ macabra ma sono veramente carine!).

Zone di Palmer: è una zone di fattorie. Palmer è veramente brutta come città per cui non ci siamo fermati. Idem per Wasilla.

Merita, invece, una deviazioni l’Hatcher Pass: è un tratto di strada percorribile in auto (noi lo abbiamo fatto a settembre, non so se in inverno è aperto!) che porta su una specie di pianoro dove c’era una miniera ma merita soprattutto per la visuale sulle montagne tutto intorno.

Talkeetna: io adoro questa cittadina anche se non c’e assolutamente nulla ma è circondata da boschi e finalmente si inizia a respirare l’aria della “vera” Alaska.

Pernottamento: Talkeetna Chalet (guardate il sito internet). Io lo consiglio perché è una favola. I proprietari sono gentilissimi ed hanno una casa nei boschi (serve il navigatore per raggiungerla) che sembra uscita da una rivista. La colazione è spettacolare e la vista sul Denali impagabile! Tra l’altro noi volevamo fare un giro in aereo sul Denali ma non lo avevamo prenotato così la proprietaria ci ha mandati da suo figlio che lavora presso uno di questi piccoli tour operator (K2 Aviator) che ti portano in volo sul Denali e abbiamo fatto il nostro giro: sono aerei microscopici, rumorosissimi e non adatti a chi ha paura di volare, ma a parte questo è stato bellissimo. Si infilano nei canyon ghiacciati e ti sembra di poter allungare una mano è toccare il ghiacciaio (non vorrei sbagliarmi ma credo che di inverno non lo facciano).

Cena: Denali BrewPub (io non bevo birra ma mio marito dice che era buonissima).

Da Talkeetna siamo andati a Willow a vedere la partenza dell’Iditaroad: da non perdere! (la partenza storica avviene ad Anchorage il giorno prima ma la vera partenza è da Willow)

Denali: purtroppo il parco chiude ad inizio autunno per cui si può entrare fino ad un certo punto e poi stop. Però noi avevamo affittato al centro visitatori le ciaspole per fare un giro e anche se non si riesce a visitarlo avevamo comunque visto un orso in lontananza e tante renne ed alci.

Lì vicino c’è uno dei pub migliori e più particolari che abbiamo mai visto: 49th State Brewing Company (da provare).

Nenana: piccola cittadina dove abbiamo ovviamente provato a scommettere su quando si sarebbe rotto il ghiaccio (è una tradizione del posto) ed ovviamente abbiamo perso!

Fairbanks: grande città universitaria. Molto bello il Museo del Nord.

Da vedere: North Pole (non è altro che una cittadina tutta incentrata sul Natale con un grande negozio di Natale ed un immenso Babbo Natale. Turistica: assolutamente si; carina: assolutamente si!).

Chena Hot Springs: stazione termale molto piccola con una bella piscina esterna di acqua sulfurea (una puzza!). Non ha nulla a che vedere con le nostre terme perché è piccola e nemmeno tanto bella all’interno però quando fa tanto freddo stare a mollo in acque veramente calde (49-66°) circondati da montagne… Sempre lì c’è anche il museo del ghiaccio (molto bello!)

  • 6199 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social