In Abruzzo per la festa dei serpari di Cocullo

In processione con la statua di San Domenico avvolta dai serpenti. Un'intensa giornata di tradizione popolare antica

  • di balzax
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Fino a 500 euro
 

La festa di San Domenico e i serpari di Cocullo

Cocullo è un paesino di poco più di 200 abitanti in provincia di L’Aquila, nascosto tra la Valle Peligna e la Marsica. Questo minuscolo borgo vive praticamente nell’anonimato per 364 giorni all’anno, ma si rianima e rivive ogni primo maggio: in questo giorno qui si celebra da secoli un rito unico al mondo, qualcosa che mescola religione e tradizione popolare. I protagonisti di questo rito sono i serpenti e il ricordo di San Domenico. In questa giornata migliaia e migliaia di persone convergono qui da tutta Italia e persino dall’estero per assistere alla festa dei serpari e alla processione di San Domenico.

All’uscita dal casello di Cocullo sulla A 25 Torano-Pescara una lunga coda preannuncia l’afflusso dei visitatori e dei curiosi. Bisogna avere pazienza: dal casello fino al paese si sta in coda procedendo a passo d’uomo. Le strade di accesso all’abitato sono state chiuse, perché non sopporterebbero l’afflusso di tanta gente e per evitare disagi ai residenti. Parcheggi non ce ne sono: alla fine riesco a trovare un posto per la macchina scendendo lungo la statale che porta ad Anversa degli Abruzzi, ma siamo già nella frazione di Casale a 3 km dal centro abitato. Bisogna farsi la salita verso le case di Cocullo a piedi, pazienza. Per fortuna non fa molto caldo, anzi è nuvoloso e minaccia pioggia.

Finalmente arrivo in paese, un po’ in ritardo per assistere alla messa solenne delle 11 celebrata dal vescovo di Sulmona (ammesso di riuscire ad entrare nella piccola chiesina del borgo), ma ancora in tempo per la processione che inizia alle 12.

Per tutto il mese di aprile i serpari (o “ciaralli”, in termine dialettale) hanno setacciato i boschi attorno al paese, frugato sotto ogni roccia, controllato ogni cavità dei faggi e dei vecchi ulivi, alla ricerca dei rettili che saranno protagonisti della cerimonia e della processione. I serpenti sono quelli comuni delle montagne del Centro Italia: cervoni, saettoni, bisce dal collare e biacchi. Sono tutti innocui. Gli unici che se irritati possono mordere sono i biacchi, ma sono privi di veleno e comunque lo fanno solo per difesa. I serpenti catturati hanno dimensioni ragguardevoli: alcuni cervoni raggiungono i due metri e obiettivamente, benché innocui, suscitano un po’ di inquietudine.

Al termine della messa solenne i serpari preparano la statua di San Domenico per la processione. La avvolgono con un groviglio di serpi varie al collo, alle spalle e ai piedi, facendo bene attenzione a lasciare liberi gli occhi e controllando che i serpenti rimangano aggrappati senza scivolare verso il basso. Diversi sono i patronati attribuiti a San Domenico: tra questi proprio la protezione contro le morsicature di serpenti, che quindi nella credenza popolare rimarranno attaccati al corpo e al saio senza provocare lesioni al santo.

Alle 12 in punto, con puntualità svizzera, la processione ha inizio: prima il gonfalone verde del borgo, poi la banda, poi il sindaco e gli amministratori con fascia tricolore di prammatica, poi due ragazze in bellissimo costume tradizionale abruzzese, che portano in testa i panieri con i dolci e i cinque pani sacri canditi detti “ciambellati”, tipici del luogo. Seguono il vescovo e le autorità ecclesiastiche, e finalmente la statua di San Domenico portata a braccia, con i serpenti che stringono le spire attorno al collo e ai piedi del santo. Dietro, nelle prime file ci sono i notabili locali (immagino che ci siano il medico comunale e il farmacista, come ancora si usa nelle sagre di paese), poi i fedeli più devoti con serpenti al collo e tra le mani. E’ un momento di alta tensione umana: contadini poco avvezzi al pianto avanzano commossi ondeggiando, molte donne in costume lungo tradizionale, poi i braccianti e la gente delle masserie. In questo evento tutti recuperano la loro identità sociale e culturale, a rischio di smarrimento per le esasperazioni del modernismo. Al suono della banda, avanzano cantando inni devozionali: bellissimi il canto di entrata in chiesa e il canto di partenza, eseguito camminando a ritroso, secondo l’etichetta di omaggio del suddito che mai deve volgere il volto dal Signore

  • 391 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social