Disabili

Carissimi…. Mi chiamo Fabrizio, il mio nick è rotex, sono un vostro “turista per caso”, con piacere racconto alcuni dei miei viaggi/spostamenti, grazie a questa opportunità mi è capitato di ricevere delle mails di incoraggiamento ecc. Questo mi ha ovviamente ...

  • di ROTEX
    pubblicato il

Carissimi...

Mi chiamo Fabrizio, il mio nick è rotex, sono un vostro “turista per caso”, con piacere racconto alcuni dei miei viaggi/spostamenti, grazie a questa opportunità mi è capitato di ricevere delle mails di incoraggiamento ecc.

Questo mi ha ovviamente fatto piacere ed aumentato la mia voglia di viaggiare e di realizzare un mio piccolo progetto. Quello che vorrei fare è di sensibilizzare coloro che hanno difficoltà a muoversi a “viaggiare”, ad “uscire”, a “muoversi” ma anche i problemi che provocano le barriere architettoniche nei spostamenti.

Mi piacerebbe poter raccontare i viaggi di un "rotellato", in tv, radio,riviste più o meno specialistiche o qualsiasi altro modo che possa essere utili per attirare l’attenzione a chi non è disabile sulle limitazioni che provocano le barriere architettoniche e ai disabili le accessibilità dei vari luoghi, dando inoltre un incoraggiamento/stimolo a viaggiare o per visitare una delle nostre bellissime città d'arte.

Mi piacerebbe poter raccontare le difficoltà ma anche e soprattutto le possibilità che un “handy” incontra nel viaggiare/muoversi per il mondo...

Credo che sarebbe anche un modo diverso di raccontare un viaggio, dando delle prospettive e delle visioni diverse.

Sono tantissimi i disabili, molti dei quali giovani, che per timore o scarsa informazione, non viaggiano o peggio ancora credono che sia un "lusso" che non possono permettersi.

In realtà è più semplice di quanto si creda, ma credo che sia necessario raccontarlo...Comunicarlo...Renderlo “normale”... Oltre ad essere doveroso informare i "normodotati" di quali difficoltà causanole barriere architettoniche.

Le barriere non sono altro che un impedimento alla libertà personale a migliaia di persone, costringendole in alcuni casi agli arresti domiciliari o all'accompagnamento obbligatorio.

Guardando i vostri siti (velisti e turisti) è palese quanto siate coinvolti in questa tematica, mi piacerebbe però chiedervi se potrebbe essere pensabile coinvolgere dei programmi televisivi o altri mezzi di comunicazione o degli sponsor che abbiano “voglia” di investire per raccontare i viaggi di “rotellati”, in quanto non ci sarebbe nulla di meglio che raccontare la “diversità” come una “normalità”. Se avete o potete darmi delle “dritte” al riguardo vi sarei molto grato... Grazie...Grazie... Fabrizio Marta

  • 219 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social